Psa rifiutato da Fca: addio a 9 milioni di auto l’anno

Ludovica Ranaldi

23 Marzo 2019 - 17:56

25 Marzo 2019 - 08:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Sembra che sia sventato il matrimonio tra Psa e Fca, la famiglia Agnelli non gradisce l’alleanza. Nel frattempo la francese ancora metabolizza l’acquisizione di General Motors.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal non c’è nulla da fare per l’alleanza Psa-Fca, la quale avrebbe condotto alla nascita di un vero e proprio colosso.

Infatti se si fosse verificato il matrimonio tra i due gruppi, allora questi avrebbero cavalcato la quarta posizione a livello globale soppiantando General Motors.

Su quest’ultima la francese sta metabolizzando la sua acquisizione e si dichiara aperta a qualsiasi operazione straordinaria anche se dovesse costare molto.

Fca-Psa: nessuna alleanza

È durata quasi un mese la corte da parte del gruppo francese Psa (Peugeot, Citroen e Opel) verso la Fca per un possibile matrimonio tra i due. Tuttavia un’indiscrezione del Wall Street Journal rivela che il gruppo italo-statunitense non si è detto d’accordo.

In particolare sembra che sia stata la famiglia Agnelli a troncare l’alleanza, la quale attualmente detiene il controllo di Fca e di Exor.

L’unione faceva presagire la nascita di un grande colosso, il quale si sarebbe posizionato al quarto posto sullo scenario internazionale superando General Motors ma dietro Volkswagen, Toyota e Renault Nissan Alliance.

Infatti l’alleanza tra Fca e Psa avrebbe condotto alla stima di circa 9 milioni di auto all’anno. Nel 2018 il gruppo italo-americano aveva raggiunto la cifra di ben 4.840.664 e la francese aveva chiuso con 4.125.683 veicoli.

I piani si sarebbero allineati. Nel lontano 2012 Sergio Marchionne aveva posto come obiettivo il raggiungimento tra 8 e 10 milioni di veicoli all’anno, la stima necessaria per la sopravvivenza dei grandi gruppi.

Psa non si lascia scoraggiare e sta ancora metabolizzando l’acquisizione degli asset europei di General Motors. Infatti Robert Peugeot ha dichiarato, in un’intervista a Les Echos, che si è aperti a nuove operazioni straordinarie. Tuttavia qualsiasi essa sia il gruppo francese dovrebbe usare in gran parte una contropartita in azioni.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories