Fase 2: la (curiosa) soluzione del Belgio per incontrarsi

Violetta Silvestri

10/05/2020

12/04/2021 - 17:13

condividi
Facebook
twitter whatsapp

I principali Paesi europei sono alle prese con la Fase 2, quella dell’allentamento delle restrizioni. Anche il Belgio, che ha studiato un metodo curioso per permettere gli incontri sociali

Fase 2: la (curiosa) soluzione del Belgio per incontrarsi

È Fase 2 per tutti i principali Paesi europei - come in Italia - e ogni Governo sta cercando la soluzione più equilibrata tra sicurezza sanitaria, ripartenza economica, ritorno alla socialità.

Il Belgio ha annunciato un piano alquanto curioso per favorire, ancora in una dimensione ridotta, gli incontri tra persone vietati in quarantena.

Gli assembramenti, infatti, sono le manifestazioni sociali maggiormente colpite dall’emergenza coronavirus. Riunirsi in gruppi numerosi di amici o parenti sarà ancora difficile e sottoposto a regole, soprattutto in questo mese di maggio sotto attenta osservazione un po’ in tutta Europa.

Intanto, però, il Belgio ha avviato l’esperimento del corona bubble, la cosiddetta “bolla corona” nella Fase 2. Di cosa si tratta?

Fase 2, in Belgio ci si può incontrare: ecco come

Il Belgio ha escogitato una soluzione per alleviare la sofferenza della popolazione costretta alla separazione fisica dagli affetti: con la Fase 2, le persone potranno incontrare fino a quattro persone nelle loro case.

Nello specifico, da domenica 10 maggio ogni famiglia belga può invitare fino a quattro persone nella propria abitazione. Due gruppi di quattro formano, così, una “bolla corona”.

Nessun altro è ammesso in questo circolo sociale domestico che verrà a costituirsi. Il fattore decisivo per far funzionare il sistema è che per il periodo della Fase 2 l’assembramento può avvenire solo e sempre con le stesse quattro persone. In sostanza, ciò che lo Stato belga chiede ai suoi cittadini di fare è formare gruppi di famiglie, che interagiscono soltanto tra loro.

La particolare e assai curiosa soluzione è stato chiamata il puzzle da quattro persone. Ora, i singoli nuclei familiari sono chiamati a rispondere a un dilemma sociale: se potessi avere gli stessi quattro parenti o amici a cena solo per alcune settimane, chi sceglierei?

Da sottolineare che tutti e quattro gli ospiti devono provenire dalla stessa famiglia.

Baci e abbracci, inoltre, non sono consentiti. Il Governo belga si aspetta che gli ospiti rimangano a 1,5 metri di distanza e suggerisce che le persone si incontrino nei giardini o sulle terrazze, ove possibile.

Tutto il sistema sarà affidato alla responsabilità dei singoli, non potendo la politica escogitare un metodo di controllo di tali dinamiche.

Perché il Belgio ha scelto i gruppi da quattro?

Gli epidemiologi che consigliano il Governo del Belgio hanno scelto il numero quattro perché corrisponde alla capacità attuale di tracciare i contatti se qualcuno si ammala.

L’abbinamento di due famiglie riduce anche l’effetto moltiplicatore del rischio che verrebbe dal consentire una miscelazione più varia.

I modelli epidemiologici, però, non coincidono con il modo in cui le persone socializzano nella vita reale e questo potrebbe essere un ostacolo alla concreta riuscita di tale soluzione.

Argomenti

# Belgio
# Fase 2

Iscriviti alla newsletter