Eurozona: attività economica in brusca frenata. Francia e Germania guidano il calo

Violetta Silvestri

23 Giugno 2022 - 15:20

condividi

In Eurozona i PMI di giugno hanno offerto un’immagine poco rassicurante: l’attività economica è in rallentamento, con le maggiori potenze, Germania e Francia, a guidare la frenata.

Eurozona: attività economica in brusca frenata. Francia e Germania guidano il calo

La crescita dell’attività economica in Eurozona ha subito un forte rallentamento a giugno, secondo i dati PMI, intensificando i timori che le ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina potrebbero trascinare il blocco in recessione.

La Commissione europea, inoltre, ha dichiarato martedì che il suo indicatore flash di fiducia dei consumatori per l’area a moneta unica è sceso di 2,4 punti a -23,6 questo mese, la lettura più debole da un minimo storico, registrato subito dopo l’inizio della crisi del Covid-19 nell’aprile 2020.

“Con gli indici dei prezzi che rimangono estremamente forti, l’Eurozona sembra essere entrata in un periodo di stagflazione, ha affermato Jack Allen-Reynolds, economista di Capital Economics, riferendosi a una combinazione degli anni ’70 di inflazione impennata e crescita stagnante.

A pesare sulla frenata dell’attività economica della regione sono state proprio le maggiori potenze dell’area: Francia e Germania. Di quanto hanno rallentato?

Eurozona rallenta a giugno: di quanto e perché?

S&P Global ha affermato che il suo indice composito flash dei gestori degli acquisti dell’Eurozona, che rileva il polso dell’attività commerciale, è sceso al minimo di 16 mesi, poiché la produzione e i nuovi ordini sono diminuiti e le società si sono lamentate dell’inflazione elevata, della domanda debole e dell’incertezza politica.

La notizia ha spinto gli indici azionari europei al ribasso giovedì 23 giugno e ha condotto i trader a ridimensionare le loro scommesse su quanto la Banca centrale europea aumenterà i tassi di interesse quest’anno, facendo salire i prezzi dei titoli di Stato. L’euro è sceso dello 0,7% rispetto al dollaro a 1,0497 dollari, mentre intanto resta in quota 1,05.

Nel dettaglio, il PMI composito a giugno si è attestato a 51,9, in calo dal 54,8 del mese scorso. La lettura è scesa ben al di sotto delle aspettative degli economisti di consenso di 54 per raggiungere il livello più basso da quando la pandemia stava ancora limitando gran parte della vita normale all’inizio del 2021.

I nuovi ordini di beni e servizi non sono cresciuti per la prima volta da marzo 2021 e l’impennata del turismo e delle attività ricreative in aprile e maggio è rallentata a un livello quasi di stallo a giugno. Le aspettative delle imprese per l’anno a venire sono scese ai minimi da ottobre 2020.

Il PMI per i servizi della zona euro è sceso al minimo di cinque mesi di 52,8, mentre la lettura per il settore manifatturiero ha raggiunto il minimo di 22 mesi di 52.

Le pressioni sui prezzi sono rimaste a livelli quasi record per le società dell’Eurozona, nonostante siano cresciute a un ritmo più lento per il terzo mese consecutivo, che secondo S&P Global “accennava a un picco del tasso di inflazione”. La produzione delle fabbriche “ha continuato a essere limitata dalla diffusa carenza di forniture” causata dalla guerra in Ucraina e dal blocco del Covid in Cina.

Germania e Francia trainano il calo europeo

La crescita nelle due maggiori economie europee è rallentata bruscamente nei dati di giugno.

Con l’attenuarsi della spinta iniziale derivante dall’allentamento delle restrizioni Covid-19 in Germania e Francia, gli indicatori di attività sono diminuiti più del previsto a giugno. La produzione manifatturiera si è contratta in entrambi i Paesi, secondo i sondaggi di S&P Global, così come i nuovi ordini.

Anche i fornitori di servizi hanno sofferto, con il raffreddamento dell’attività dopo che la spinta derivante dall’eliminazione graduale dei blocchi del coronavirus è svanita.

“L’economia tedesca ha perso praticamente tutto lo slancio guadagnato dall’allentamento delle restrizioni Covid”, ha affermato l’economista di S&P Global Phil Smith in un comunicato. “Ma forse il principale motivo di preoccupazione è un calo generalizzato della domanda”.

La fiducia tra le imprese francesi è scesa al livello più basso degli ultimi 19 mesi, con alcune di loro che si sono lamentate della maggiore incertezza politica dopo che il presidente Emmanuel Macron ha perso il controllo dell’assemblea nazionale nelle elezioni dello scorso fine settimana.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.