Medicina 2019: come entrare senza fare il test d’ingresso

Entrare nella Facoltà di Medina quando non si passa il test d’ingresso è possibile. Vediamo i casi in cui la prova d’ammissione non è obbligatoria ai fini dell’immatricolazione.

Medicina 2019: come entrare senza fare il test d'ingresso

Il test d’ingresso per la Facoltà di Medicina è ogni anno preso d’assalto da oltre 60mila studenti che, ha fronte dei poco più di 11mila posti disponibili, vede nella maggior parte dei casi sfumare il sogno di diventare medico.

Per molti aspiranti camici bianchi la strada sembra infatti sbarrata sin dall’inizio dal, più volte criticato, numero chiuso. Come noto, per entrare a medicina è necessario superare il temuto e difficile test d’ingresso che ogni anno taglia fuori migliaia di studenti.

Alcuni rinunciano per sempre, altri scelgono di immatricolarsi in facoltà affini nella speranza di superare il test l’anno prossimo: l’articolo 6 del R.D. 1269/38 riconosce infatti gli esami sostenuti nei corsi affini qualora l’anno successivo si riesca a passare il test ed entrare a Medicina.

L’articolo 6 è perciò un ottimo strumento per non perdere l’anno, ma naturalmente lo studente per passare dalla facoltà in cui si è immatricolato a alla Facoltà di Medicina, dovrà comunque sostenere - e superare - il test d’ingresso.

Questa però non è l’unica opzione. Niente è perduto, dovete sapere che esistono facoltà che vi permetteranno di bypassare il test d’ingresso, quindo no, la prova d’ammissione non è l’unico modo per accedere alla Facoltà di Medina, anche se è certamente il più veloce.

Come entrare a Medicina senza fare il test d’ingresso? Facciamo chiarezza su quando ci si può immatricolare in Medicina senza aver sostenuto il test d’ingresso e quali sono le Facoltà - e le condizioni - per ottenere il passaggio diretto.

Medicina: quando immatricolarsi senza test

La Facoltà di Medicina - così come quella di Architettura - è a numero chiuso; questo significa che ogni anno viene messo a disposizione un determinato numero di posti che viene assegnato tramite una graduatoria nazionale stilata in base al punteggio ottenuto alla prova d’ingresso (qui le date dei test per il 2018).

Il test d’ingresso serve per verificare le competenze degli studenti, così da dare la priorità ai candidati più preparati e meritevoli; secondo la giurisprudenza degli ultimi anni, però, ci sono altri modi per accertare le competenze di uno studente.

Ad esempio, se uno studente è già iscritto all’Università ed ha superato degli esami presenti anche nel corso d’interesse (che in questo caso è Medicina) questo è certamente meritevole dell’iscrizione, senza la necessità di sostenere il test d’ingresso.

Un principio ribadito da una recente sentenza del Tar del Lazio - la n°1015/2028 - con la quale è stato accolto il ricorso presentato da una studentessa iscritta al terzo anno di Chimica e tecnologie farmaceutiche che chiedeva il passaggio diretto alla Facoltà di Medicina.

Secondo i giudici del tribunale amministrativo, infatti, il test di ammissione ha un valore inferiore rispetto ai risultati che uno studente universitario ha già ottenuto nella sua carriera, sempre se questi sono affini al corso d’interesse.

Per pretendere il passaggio diretto in Medicina, quindi, devono sussistere due condizioni:

  • la Facoltà in cui si è immatricolati deve appartenere all’area sanitaria. Ad esempio, si può ottenere il passaggio diretto da Farmacia, Chimica, IMAT (Medicina in lingua inglese), Biologia e CTF (Chimica e tecnologie farmaceutiche);
  • lo studente deve dimostrare di avere abbastanza competenze da potersi immatricolare in medicina senza sostenere il test d’ingresso. Ecco perché questo strumento è utilizzabile da laureandi, laureati o iscritti ad almeno il 3° anno di una delle suddette facoltà che hanno maturato almeno 25 CFU negli esami convalidabili nel corso di laurea in Medicina e Odontoiatria.

Se sussistono queste condizioni, quindi, uno studente può decidere di iscriversi alla Facoltà di Medicina senza sostenere il test d’ingresso; per farlo, però, ci sono degli step da seguire.

Come immatricolarsi senza test

Il trasferimento diretto si può ottenere solamente per un Ateneo dove ci sono dei posti liberi da assegnare a studenti che provengono da altre Facoltà. Ecco perché prima di fare il passaggio vi consigliamo di consultare i bandi degli Atenei di interesse e verificare se c’è un contingente di posti riservato ai trasferimenti da altre Facoltà.

A questo punto potete contattare la segreteria studenti dell’Ateneo al quale siete interessati; solitamente questa vi chiede di inviare il piano degli studi, così da valutare la vostra carriera universitaria accertandosi che ci siano i presupposti per ottenere il passaggio diretto. Solo se ottenete il via libera da parte della segreteria potete presentare l’istanza di immatricolazione alla Facoltà di Medicina.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Test Medicina

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.