Superbonus 110%, la truffa dell’Agenzia delle Entrate: attenzione alle finte email

Rosaria Imparato

25 Novembre 2020 - 17:58

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Attenzione alle finte email dell’Agenzia delle Entrate sul superbonus 110%: si tratta di un tentativo di truffa online. Nel comunicato stampa del 25 novembre l’Agenzia delle Entrate segnala anche una nuova sezione sul sito per segnalare i tentativi di phishing.

Superbonus 110%, la truffa dell'Agenzia delle Entrate: attenzione alle finte email

Superbonus 110%, attenzione alle finte email da parte dell’Agenzia delle Entrate: si tratta di un tentativo di phishing. Il consiglio quindi è quello di non aprire gli allegati e cestinarle immediatamente.

L’allerta arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate, che ha avvisato i cittadini tramite il comunicato stampa del 25 novembre 2020.

Il phishing, ricordiamo, è un tipo di truffa online, con cui fingendosi un ente istituzionale o comunque affidabile, si prova a ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso.

Superbonus 110%, la truffa dell’Agenzia delle Entrate: attenzione alle finte email

Attenzione alle finte email da parte dell’Agenzia delle Entrate: anche se hanno il logo dell’Amministrazione Finanziaria si tratta di una truffa online, che stavolta riguarda il superbonus 110%.

Ad allertare i cittadini è l’Agenzia delle Entrate stessa, che con il comunicato stampa del 25 novembre consiglia ai contribuenti due cose:

  • non aprire gli allegati contenuti nell’email ricevuta;
  • cestinare la mail.
Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del 25 novembre 2020
False mail sull’efficientamento energetico a nome dell’Agenzia “Non aprire gli allegati e cestinarli immediatamente”

Una delle email inviate risulta partita da “Gli organi dell’Agenzia delle Entrate” e firmato da “Ufficio Comunicazioni della Direzione nazionale Agenzia delle Entrate”, e chiede di prendere immediatamente visione di un documento allegato contenente disposizioni operative riguardanti le misure sull’efficientamento energetico degli edifici.

Per quanto le email possano sembrare realistiche, è sempre bene fare attenzione ai dettagli: i riferimenti normativi infatti sono errati, sia la data che il numero del decreto Rilancio.

Altre email invece indicano come mittente “entrate.segreteriadirezione@counsellor.com" e come oggetto “FROM THE OFFICE OF THE DIRECTOR”.

Superbonus 110%, la truffa dell’Agenzia delle Entrate: una nuova sezione per segnalare i tentativi di phishing

L’Agenzia sottolinea che è del tutto estranea a tali messaggi, inoltre, precisa che le Entrate non inviano mai per posta elettronica comunicazioni contenenti dati personali dei contribuenti.

Tali comunicazioni sono consultabili esclusivamente nel Cassetto fiscale, accessibile tramite l’area riservata sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it.

Infine, nell’area “L’agenzia comunica” del portale delle Entrate è presente la sezione Focus sul phishing in cui si possono trovare le ultime segnalazioni circa i nuovi casi che coinvolgono il nome dell’Agenzia, approfondimenti e notizie per aiutare il cittadino a riconoscere le false comunicazioni.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories