Elezioni amministrative Vibo Valentia 2019: candidati, liste e sondaggi

Nel 2019 ci saranno elezioni amministrative anticipate a Vibo Valentia dopo la fine dell’amministrazione Costa: ecco chi sono i quattro candidati in corsa, le liste che li appoggeranno e cosa dicono i sondaggi.

Elezioni amministrative Vibo Valentia 2019: candidati, liste e sondaggi

Vibo Valentia al voto un anno prima del dovuto in questo 2019, con il primo turno delle elezioni amministrative che sarà accorpato con le elezioni europee di fine maggio così come avvenne anche cinque anni fa.

Dopo i tanti cambi tra gli assessori e la caduta dell’amministrazione di centrodestra guidata da Elio Costa, alla fine saranno in totale quattro i candidati in corsa in queste elezioni amministrative a Vibo Valentia.

ELEZIONI VIBO VALENTIA

La data delle elezioni amministrative a Vibo Valentia

Da tempo è ufficiale la data delle elezioni amministrative a Vibo Valentia. Come è avvenuto già cinque anni fa, il primo turno delle comunali verrà infatti accorpato alle elezioni europee.

A riguardo, Bruxelles che ha stabilito che le elezioni europee dovranno tenersi tra il 23 e il 26 maggio, con ognuno dei 27 Stati membri che in autonomia può scegliere la data all’interno di questa forchetta.

Visto che in Italia da sempre si è votato di domenica, il giorno stabilito per il primo turno sarà quello del 26 maggio. Nella stessa data si terranno poi anche le elezioni regionali del Piemonte. L’eventuale ballottaggio si terrà di conseguenza domenica 9 giugno.

Scartata poi l’ipotesi di un accorpamento, per una sorta di election day, anche con le elezioni regionali che quindi si svolgeranno in autunno quando ci sarà il termine naturale della legislatura.

Oltre a Vibo Valentia, in Calabria si apriranno le urne per le amministrative anche in altri 133 comuni, con Reggio Calabria che invece voterà in autunno. Tra i centri maggiori si voterà a Corigliano-Rossano, Montalto Uffugo, Rende e a Villa San Giovanni.

La legge elettorale

Fatta eccezione per le regioni a statuto speciale dove possono esserci dei cambiamenti, la legge elettorale delle elezioni amministrative in Italia è di tipo stampo maggioritario per quanto riguarda l’elezione del sindaco, mentre la ripartizione dei consiglieri avviene in maniera proporzionale.

Essendo Vibo Valentia un Comune con più di 15.000 abitanti, se nessun candidato al primo turno dovesse ottenere la maggioranza assoluta allora si procederà a un ballottaggio tra i due più votati. Nel caso si dovesse verificare una perfetta parità nel testa a testa, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Per garantire la formazione di una maggioranza solida e una sostanziale governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco risultato vincitore verrà attribuito il 60% dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il “metodo D’Hondt”.

Alla divisione dei seggi, si andranno a eleggere nel totale 32 consiglieri escluso il sindaco, saranno ammesse tutte le liste e i gruppi di liste di candidati che avranno superato la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi.

Per quanto riguarda le modalità di voto, nei comuni con più di 15.000 abitanti è ammesso il voto disgiunto, con l’elettore che potrà esprimere fino a due preferenze mantenendo però sempre la parità di genere (un uomo e una donna).

I candidati

Chiusi i termini per la presentazione delle liste, sono quattro i candidati ufficiali in queste elezioni amministrative di Vibo Valentia. Ecco chi sono e da quali partiti o liste civiche saranno sostenuti nel voto del 26 maggio.

CandidatiListe
Francesco Belsito Fare!
Maria Limardo Forza Italia, Fratelli d’Italia, Rinasci Vibo, Vibo Valentia da Vivere, Porto Santa Venere, Città Futura con Limardo, Liberi e Forti, Con Vibo per Vibo
Stefano Luciano Partito Democratico, Lista Concretezza, Avanti Vibo, Vibo Unica, Vibo Prima di Tutto, Legati al Territorio
Domenico Santoro Movimento 5 Stelle

Lo scorso 29 gennaio dopo le dimissioni in blocco dei consiglieri di maggioranza e opposizione, è caduta la giunta di centrodestra presieduta da Elio Costa che già nel 2005 aveva interrotto anticipatamente il suo primo mandato.

Il centrodestra per queste elezioni anticipate ha scelto di puntare sull’ex assessore alle attività Produttive Maria Limardo, che sarà sostenuta in blocco da Forza Italia, Fratelli d’Italia e da sei liste civiche. Non ci sarà invece la Lega.

Altro candidato ufficiale è Stefano Luciano, con l’avvocato che ha riunito una coalizione civica abbastanza trasversale, con al centro la sua Vibo Unica, che ha trovato poi l’appoggio anche del Partito Democratico.

Ha scelto da tempo invece il Movimento 5 Stelle che, come candidato sindaco in queste elezioni amministrative a Vibo Valentia, ha deciso di puntare sull’architetto Domenico Santoro.

A completare il poker di candidati che si sfideranno alle urne il prossimo 26 maggio c’è Francesco Belsito, che correrà in rappresentanza di Fare! il movimento fondato dall’ex sindaco di Verona Flavio Tosi.

I sondaggi

Aspettando che da parte dei vari istituti di indagine vengano realizzati dei sondaggi in merito a queste elezioni amministrative a Vibo Valentia, la grande favorita sembrerebbe essere comunque Maria Limardo.

Sia alle ultime elezioni comunali che alle recenti politiche del marzo 2018, il centrodestra ha sempre fatto il pieno di voti in città ma, a differenza di quattro anni fa, sarà difficile una vittoria al primo turno.

Nel 2015 infatti non era presente al voto il Movimento 5 Stelle, che invece alle politiche è stato capace di prendere a Vibo Valentia il 33%. Un ballottaggio quindi sembrerebbe essere inevitabile.

Con Maria Limardo sicura di prendere parte all’eventuale testa a testa finale, per il ruolo di possibile sfidante della candidata del centrodestra sarà una sfida serrata tra Stefano Luciano e Domenico Santoro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Elezioni amministrative 2019

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.