Dollaro ancora più forte o in calo? Un’analisi sul biglietto verde

Violetta Silvestri

2 Giugno 2022 - 12:56

condividi

Il dollaro ha toccato picchi massimi negli ultimi mesi, sia nei confronti dell’euro che dello yen. Il rally del biglietto verde è stato guidato da una serie di fattori, ma potrebbe essere alla fine.

Dollaro ancora più forte o in calo? Un'analisi sul biglietto verde

Dopo uno straordinario rally nell’ultimo anno, il periodo del dollaro ai massimi decennali potrebbe finalmente essere giunto al termine.

Almeno, questo credono alcuni strateghi di Wall Street, secondo un’analisi riportata da Marketwatch.

UBS, per esempio, ha dichiarati ai clienti che “i giorni migliori per il dollaro potrebbero essere alle nostre spalle”.

Perché il biglietto verde può indebolirsi? L’analisi degli esperti.

Lo straordinario rally del dollaro durerà?

Alla fine di aprile, il dollaro Usa ha raggiunto il suo livello più forte nei confronti dell’euro dalla fine del 2002, con un picco di 1,05 euro per dollaro, molto vicino alla “parità”.

Da allora, il biglietto verde si è leggermente ammorbidito. Tuttavia, un indicatore della forza della valuta statunitense rispetto ai suoi principali rivali - l’indice ICE del dollaro USA - ha guadagnato oltre il 13% nell’ultimo anno e più deli 6% da inizio anno.

Nell’analisi si fa notare che si tratta di movimenti enormi per i mercati valutari, in cui i cambiamenti giornalieri sono generalmente misurati in punti base o frazioni di punto percentuale.

In effetti, la volatilità nello spazio valutario del G10 è stata notevolmente elevata dall’inizio dell’anno, avvicinandosi a quota 11 a fine maggio, pur rimanendo al di sopra della soglia di 10,5.

Escludendo la primavera e l’estate del 2020, quando i mercati stavano ancora vacillando per l’avvento della pandemia, questo può essere considerato il periodo di volatilità più elevato tra le principali valute dal 2017.

In questo contesto, la forza del biglietto verde nell’ultimo anno è stata attribuita a una serie di fattori.

Innanzitutto, è avvenuto il cambiamento delle aspettative sui tassi di interesse: la Federal Reserve ha lanciato quello che i mercati si aspettano sarà il ritmo più veloce di rialzo dei tassi di interesse di riferimento dal 1994.

Nel frattempo, la Banca del Giappone sostiene l’allentamento della sua politica monetaria, mentre la Banca centrale europea ha segnalato solo di recente la sua intenzione di iniziare ad aumentare il suo tasso di riferimento entro la fine dell’estate per la prima volta in 11 anni.

Poi, l’inflazione più alta degli ultimi quattro decenni ha contribuito a spronare la Fed ad agire in modo più aggressivo.

Infine, mentre i prezzi alle stelle hanno indebolito il potere d’acquisto del dollaro a livello nazionale, le preoccupazioni per il rallentamento della crescita economica in Europa e in Cina hanno accelerato l’acquisto all’estero del biglietto verde in quella che gli esperti di mercato hanno descritto come una “fuga verso la sicurezza”, ovvero i beni rifugio.

Nelle ultime due settimane, però, gli analisti delle banche di investimento in Europa e negli Stati Uniti stanno sostenendo che il rally del dollaro abbia fatto il suo corso. Per quali motivi?

Il dollaro può diminuire il suo valore: i motivi

UBS, la megabanca svizzera, ha ufficialmente ritenuto che il dollaro abbia raggiunto un punto di svolta secolare e restituirà alcuni dei suoi guadagni nei prossimi mesi, quando la Fed aumenterà ulteriormente i tassi di interesse.

Secondo le stime mediane di 44 broker, Wall Street vede la coppia euro-dollaro rafforzarsi fino alla fine del 2022. La previsione mediana prevede che l’euro venga scambiato a $1,10 entro la fine dell’anno, rispetto a $1,06 di giovedì 2 giugno.

Un modello simile vale per la coppia dollaro-yen, che ha una stima mediana di fine anno di 125 yen per dollaro, rispetto a quasi 130 yen per dollaro di mercoledì. La cifra mediana dollaro-yen si basa sulle stime di 31 broker.

Nel presentare la sua tesi ribassista per il dollaro, gli analisti di UBS hanno notato che l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Fed, l’indice delle spese per consumi personali, è aumentato solo dello 0,2% su base mensile ad aprile, segnando il più piccolo aumento da novembre 2020.

Questo suggerimento che le pressioni inflazionistiche potrebbero diminuire, almeno negli Stati Uniti, ha stimolato un miglioramento dei tassi di pareggio a lungo termine, una misura delle aspettative del mercato molto lontano nel futuro.

Ad esempio, il tasso di pareggio a 10 anni negli Stati Uniti è sceso al 2,6% questa settimana, rispetto al 3% di un mese fa, un segno che la fiducia degli investitori nelle capacità di lotta all’inflazione della Fed sta migliorando, secondo gli strateghi di UBS.

A sua volta, ciò ha ridotto le aspettative sul percorso di rialzo dei tassi della Fed.

Infine, c’è lo schema storico. Durante gli ultimi quattro cicli di rialzo dei tassi della Fed, il dollaro si è generalmente indebolito durante i 12 mesi successivi al primo aumento.

L’unica eccezione è stata il ciclo escursionistico di breve durata iniziato alla fine del 2015, che ha visto il biglietto verde rafforzarsi nell’anno successivo.

A dire il vero, secondo l’analisi, c’è anche la possibilità che flussi più sicuri e il continuo interessante differenziale di rendimento contribuiranno a mantenere il dollaro elevato, poiché i tassi statunitensi salgono più rapidamente di quelli europei e giapponesi.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.