Dolce & Gabbana: le accuse di razzismo bloccano la sfilata cinese

Salta la sfilata a Shangai dopo le polemiche attorno ad alcuni spot della casa di moda italiana considerati razzisti. La vicenda

Dolce & Gabbana: le accuse di razzismo bloccano la sfilata cinese

Salta l’impegno in Cina per la casa d’alta moda italiana Dolce & Gabbana, che proprio oggi a Shangai aveva fissato da tempo il suo appuntamento con un’importante serata di sfilate.

Ma le accuse di razzismo hanno arrestato sul nascere l’evento, anche se al momento un annuncio ufficiale dell’annullamento non sembra essere arrivato né da Shangai né dagli stessi Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

A dire il vero la vicenda non risulta del tutto chiara e lineare, considerando anche che alle polemiche incentrate sulle pubblicità definite razziste e stereotipate si è aggiunto anche un commento offensivo sulla cultura cinese firmato da Stefano Gabbana, che ha però denunciato l’hackeraggio del suo profilo.

La Cina vs Dolce & Gabbana: la vicenda

A dare il via allo spiacevole accaduto alcuni video promozionali realizzati dalla casa di moda in vista dell’appuntamento di Shangai.

Diffusi in un primo momento tramite i canali tradizionali, hanno subito sollevato diverse polemiche da parte degli utenti, pronti a sottolineare il dominio degli stereotipi nelle pubblicità e una descrizione ingenua e superficiale della cultura cinese.

Nei video viene mostrata una modella cinese alle prese con diversi cibi italiani, circondata da atmosfere, luci, ambientazioni e musiche da molti etichettate come antiche e caricaturali, ai limiti dell’offensivo.

In più, si è parlato di “palese sessismo” in riferimento al frangente in cui la ragazza trova difficoltà a mangiare il cannolo siciliano con le bacchette, e viene interpellata dalla voce fuori campo che le domanda: “Cosa c’è? È troppo grande per te?”

Sono stati poi i social ad amplificare e portare la questione al suo culmine. In particolare, la pagina Instagram DietPrada, seguitissima, ha pubblicato una conversazione in cui Stefano Gabbana manifestava il suo odio nei confronti della Cina e della cultura cinese.

Visualizza questo post su Instagram

As @dolcegabbana prepares to mount their next runway show in Shanghai this coming evening (7:30PM) and the rest of Instagram fawns over what’s sure to be an overly lavish “love letter” to China, we’ll be wondering if we’ll see chopsticks as hair ornaments, take-out boxes as purses, or even kimonos misappropriated as Chinese costume. Time will tell. For now, we’ll let y’all simmer on this DM between Stefano and Dieter @michaelatranova (chronology is reversed in slides). Word has it that they’re still in the process of model casting (over 200 Asian girls scheduled)...wouldn’t let them walk the show if we were their agents lol. Also, curious what the Chinese government will think of their country being called shit basically...especially considering how strict they are on who to allow to enter the country on work visas based on a thorough social media background checks. • #DGTheGreatShow #DGlovesChina #runway #fashionshow #cancelled #racism #dolceandgabbana #altamoda #rtw #dgmillennials #stefanogabbana #shanghai #chinese #china #wtf #dumb #lame #asianmodel #asian #dietprada

Un post condiviso da Diet Prada ™ (@diet_prada) in data:

Dopo diverse ore l’interessato ha smentito la circostanza, spiegando il tutto con un hackeraggio del suo account e scusandosi:

“Il mio account Instagram è stato violato. Il mio ufficio legale sta lavorando su questo. Amo la Cina e la cultura cinese. Mi dispiace tanto per quello che è successo”.

In un secondo momento i due fondatori dell’azienda, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, hanno espresso tramite una nota tutto il loro rammarico per l’accaduto, in ogni caso non privo di riverberi per la società, che punta con forza al mercato cinese e deve far fronte ora ad uno spiacevolissimo episodio che non getta certo buona luce sul marchio italiano:

“Ciò che è accaduto oggi è davvero spiacevole, non solo per noi, ma per tutti coloro che hanno lavorato notte e giorno per dar vita a questo progetto. Il nostro sogno era quello di realizzare a Shanghai un evento che fosse un tributo alla Cina, che raccontasse la nostra storia e la nostra visione”.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Moda

Argomenti:

Italia Cina Moda

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.