Dichiarazione dei redditi 2024, come indicare i giorni di Naspi

Patrizia Del Pidio

24 Giugno 2024 - 17:34

Anche se si hanno redditi che provengono dall’indennità di disoccupazione, questi vanno inseriti nel modello 730/2024. Quali sono le istruzioni per la compilazione?

Dichiarazione dei redditi 2024, come indicare i giorni di  Naspi

Nella dichiarazione dei redditi 2024 non vanno inseriti solo redditi da lavoro e da pensione, ma anche quelli assimilati a quelli da lavoro dipendente tra cui rientrano anche quelli liquidati a titolo di indennità di disoccupazione.

Anche la Naspi e la disoccupazione agricola rientrano nei redditi che devono essere assoggettati a tassazione concorrono alla formazione del reddito imponibile. Se l’importo della Naspi, infatti, nell’anno supera gli 8.500 è la stessa INPS ad applicare la tassazione con relative trattenute sull’importo erogato mensilmente. Il problema sorge nel momento che queste tipologie di reddito non sono tassati alla fonte.

Anche questi redditi vanno indicati in dichiarazione dei redditi. Ma come si fa a inserire questi redditi nel 730/2024.

L’Agenzia delle Entrate al riguardo ha fornito dei chiarimenti, qualche anno fa, validi sia per il 730 che per il modello redditi PF, usato per lo più dai contribuenti titolari di partita IVA.

Dichiarazione dei redditi 2024: come indicare i giorni di Naspi nel 730 e nel modello PF

Nei modelli dichiarativi, per l’indicazione dei giorni di lavoro dipendente o di pensione, si ha una suddivisione in semestri. E nella dichiarazione, quindi, oltre al totale dei giorni di lavoro o di pensione, bisogna indicare anche quelli relativi al primo e al secondo semestre.

Il contribuente che nel 2023 ha percepito sia redditi di lavoro dipendente che indennità di disoccupazione agricola o Naspi, deve indicare nella dichiarazione dei redditi:

  • i giorni rilevati nella CU dell’ente che ha erogato l’indennità;
  • i giorni indicati nella CU rilasciata dal datore di lavoro.

Il numero massimo che si può indicare è 365 giornate lavorative.

Naspi e disoccupazione agricola in dichiarazione dei redditi 2024: chiarimenti dalle Entrate su come indicare i giorni

Per quanto riguarda le giornate lavorate nel 2023, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che ci sono due direzioni, considerando che:

  • nelle CU dell’INPS, con un periodo di giorni di lavoro inferiore a 181/182 giorni nell’anno, viene indicato nel punto 13 (“Primo semestre”) il totale di giorni indicati al punto 6 (“giorni lavoro dipendente”), poiché non si può attribuire un numero preciso di giorni riferiti al primo e/o al secondo
    semestre;
  • nella CU del datore di lavoro viene certificato il numero di giorni al punto 13 (“Primo semestre”) e/o 14 (“Secondo semestre”) sulla base dell’effettivo periodo di lavoro nell’anno.

Per risolvere i dubbi l’Agenzia delle Entrate richiama la circolare n. 137/1997 in materia delle modalità di calcolo dei giorni di spettanza delle detrazioni per l’indennità di disoccupazione speciale in agricoltura. Si possono infatti applicare gli stessi criteri anche per il calcolo dei giorni che danno diritto al trattamento integrativo e all’ulteriore detrazione, in caso di indennità o somme erogate direttamente dall’Inps o da altri enti, diviso in due semestri, senza superare il limite massimo di 365 giorni.

Nella compilazione della dichiarazione dei redditi quindi il contribuente dovrà guardare il numero di giorni riferiti al primo e al secondo semestre anche diversi da quelli che si trovano nella CU dell’INPS, purché la somma dei giorni indicati nei due semestri coincida con quanto indicato nel punto 6 (giorni lavoro dipendente) della CU stessa: in questo modo è possibile il recupero di tutte le detrazioni spettanti.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo