Detrazioni spese sportive e palestra: cosa si può scaricare dal 730?

Claudia Cervi

3 Giugno 2022 - 11:30

condividi

La detrazione della palestra e delle spese sportive riguarda anche gli adulti? Forniamo tutti i chiarimenti per compilare correttamente il modello 730/2022.

Detrazioni spese sportive e palestra: cosa si può scaricare dal 730?

Gli adulti possono portare in detrazione con il modello 730/2022 le spese sportive sostenute nel 2021?

Chiariamo subito che la risposta è no: gli adulti che hanno sostenuto spese per l’iscrizione ad una palestra non possono inserirle nella dichiarazione dei redditi neppure se la spesa è stata sostenuta per il trattamento di una patologia, come ad esempio la scoliosi o la lordosi.

A stabilirlo è stata l’Agenzia delle Entrate che ha specificato che anche se si è in possesso di una certificazione medica che prescriva una specifica attività motoria, la spesa sostenuta per l’iscrizione a una palestra non può essere considerata come una spesa sanitaria detraibile.

Solamente le spese sportive sostenute dai genitori per i propri figli potranno essere detratte nel modello 730/2022, ma per farlo sarà necessario conservare alcuni documenti che attestino l’effettivo sostenimento della spesa.

Modello 730/2022: la detrazione delle spese sportive non spetta agli adulti

Come abbiamo spiegato all’inizio dell’articolo, gli adulti che si iscrivono in palestra per frequentare dei corsi non possono beneficiare della detrazione del 19% prevista per le spese sostenute per le attività sportive.

Neanche quelli che sono affetti da una patologia e che decidono di iscriversi in palestra possono beneficiare della detrazione Irpef del 19% anche se sono in possesso di una certificazione medica che prescriva loro una specifica attività motoria.

A chiarirlo è stata l’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 19/E del 1° giugno 2012 nella quale vengono fornite una serie di risposte a dei quesiti che riguardano la detraibilità delle spese nel modello 730/2022.

Questo perché anche se l’attività è svolta a scopo di prevenzione o terapeutico, deve essere inquadrata in un generico ambito salutistico di cura del corpo e non può essere riconducibile a un trattamento sanitario qualificato.

Detrazione spese sportive: quali strutture?

Non tutte le strutture sportive danno diritto allo sconto Irpef. Sono previste le detrazioni se l’iscrizione avviene presso le strutture sportive individuate dal decreto Ministeriale del 28 marzo 2007:

  • associazioni sportive che presentano la denominazione sociale ADS (Associazione dilettantistica sociale),
  • palestre e piscine,
  • altre strutture e impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica.

A definire cosa si intende per palestre, piscine, altre attrezzature ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica è l’Agenzia delle Entrate:

  • si tratta di impianti organizzati destinati all’esercizio della pratica sportiva non professionale, agonistica e non, compresi gli impianti polisportivi;
  • gestiti da soggetti giuridici diversi dalle associazioni/società sportive dilettantistiche, sia pubblici che privati anche in forma di impresa (individuale o societaria).

La detrazione non spetta invece per le spese di iscrizione presso:

  • associazioni che non rientrano nella definizione di “sportiva dilettantistica”, quali quelle che non hanno ottenuto il riconoscimento del Coni o delle rispettive Federazioni sportive nazionali o enti di promozione sportiva;
  • società di capitali di cui alla legge 23 marzo 1981, n. 91 (sport professionistico);
  • associazioni non sportive (ad esempio, associazioni culturali) che organizzano corsi di attività motoria non in palestra.

Detrazione spese sportive nel modello 730/2022

Solamente le spese sportive sostenute dai genitori per i propri figli possono essere portate in detrazione nel modello 730/2022.

Per ciascun figlio di età compresa tra i 5 e i 18 anni è possibile detrarre il 19% della quota di iscrizione alla palestra pagata nel 2021. Tale detrazione spetta entro il limite di spesa di 210 euro per ogni figlio (da ripartire tra i genitori).

Si può beneficiare della suddetta detrazione esclusivamente per le spese sostenute in favore di familiari a carico che esercitano attività sportiva dilettantistica e che non siano maggiorenni.

Al fine di beneficiare delle detrazione è necessario conservare il bollettino bancario o postale attraverso il quale è stata pagata la spesa ovvero fattura, ricevuta o quietanza di pagamento dai quali deve risultare obbligatoriamente:

  • ditta, denominazione o ragione sociale e la sede legale, o, se persona fisica, il nome cognome e la residenza, codice fiscale del soggetto che ha reso la prestazione;
  • causale del pagamento;
  • attività sportiva esercitata;
  • importo pagato;
  • dati anagrafici di chi pratica l’attività sportiva e il codice fiscale di chi effettua il pagamento.

I contribuenti per godere della detrazione Irpef del 19% dovranno compilare il modello 730/2022 ed in particolare il Quadro E, righi da E8 a E10 con codice 16.

Quadro E - Modello 730/2022 Quadro E - Modello 730/2022 Compilare il quadro E Sezione I, righi da E8 a E10, codice 16

Iscriviti a Money.it