Decreto Proroghe approvato: testo e novità su smart working e documenti scaduti

Isabella Policarpio

3 Maggio 2021 - 08:24

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Stop smart working al 50% per dipendenti pubblici, proroga documenti scaduti, Golden Power ed esami di abilitazione: le novità del decreto Proroghe in Gazzetta Ufficiale.

 Decreto Proroghe approvato: testo e novità su smart working e documenti scaduti

Il decreto Proroghe “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 aprile 2021, è in vigore con diverse novità su lavoro agile, documenti scaduti ed esami di abilitazione.

Il testo prevede la fine dello smart working al 50% per gli impiegati nella Pubblica Amministrazione e conferma la proroga delle norme sul Golden Power e la validità dei documenti scaduti (che passa dal 30 aprile al 30 settembre 2021).

Tuttavia, contrariamente alle anticipazioni, non c’è traccia della proroga delle cartelle esattoriali e delle concessioni balneari, per le quali servirà una legge ad hoc.

Qui di seguito il testo pdf integrale:

Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi
Decreto proroghe, 30 aprile 2021, testo pdf

Smart working Pubblica Amministrazione

Lo smart working al 50% per i dipendenti pubblici non sarà più un obbligo. Il decreto legge Proroghe, infatti, modifica sensibilmente la percentuale di lavoro agile nella Pubblica Amministrazione: salta il limite del 60% previsto dai Pola (Piani organizzativi del lavoro agile) che passa al 15%, questa è la nuova quota minima di dipendenti che potranno lavorare da casa.

Lo smart working nella PA, comunque, resta in vigore fino al 31 dicembre 2021 con le modalità semplificate stabilite all’articolo 263 del Dl 34/2020 (il “decreto Rilancio”).

Golden Power

Prorogato il termine del Golden Power - il “regime temporaneo” per l’esercizio dei poteri speciali - che passa dal 30 giugno al 31 dicembre 2021. Il dl stabilisce l’obbligo di notifica alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di tutte le acquisizioni, a qualsiasi titolo, di partecipazioni in aziende che operano in settori critici da parte di soggetti esteri.

Proroga documenti scaduti (carta d’identità e patente)

Il decreto conferma la proroga della validità dei documenti scaduti:

  • carta d’identità: prorogata dal 30 aprile al 30 settembre 2021 (per quelle scadute entro il 31 gennaio 2020)
  • patente di guida: le domande presentate nel 2020 per sostenere l’esame di guida vengono ulteriormente prorogate da 6 mesi ad 1 anno, questo è il termine entro il quale si può sostenere la prova teorica
  • permesso di soggiorno: i permessi in scadenza entro il 30 aprile vengono prorogati fino al 31 luglio 2021

Per quanto riguarda la revisione periodica dei veicoli, questa potrà essere effettuata fino al 31 dicembre 2021.

Esami di abilitazione

Per esperti qualificati, consulenti del lavoro e medici autorizzati (esperti di radioprotezione e medici competenti per la tutela e la sicurezza nei luoghi di lavoro) è prorogato al 31 dicembre 2021 la possibilità di svolgere gli esami di abilitazione per l’iscrizione all’Albo con modalità semplificate da remoto.

Spiagge e ambulanti


Nel testo non c’è alcun riferimento alla proroga delle concessioni per stabilimenti balneari e ambulanti come, invece, in molti si aspettavano. Il motivo è presto detto: il ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha precisato che “Non serve nessuna proroga perché una norma esiste già, anzi due: una per la proroga al 2033 e un’altra che congela le concessioni per il Covid.”

Cartelle esattoriali

Nemmeno le cartelle esattoriali trovano spazio nel nuovo decreto legge. Non ci sarà la proroga tanto attesa, quindi, a partire dalla prossima settimana, l’Agenzia delle Entrate potrà inviare i nuovi avvisi ai contribuenti. Tuttavia non è da escludere la possibilità di prorogare lo stop al 31 luglio 2021, giorno in cui cessa lo stato di emergenza.

Iscriviti alla newsletter