Dax40 alla prova del rimbalzo

David Pascucci

6 Luglio 2022 - 13:05

condividi

Nella giornata di ieri, nuovi minimi ricomprati subito per il Dax40. Siamo vicini al rimbalzo tanto atteso?

Dax40 alla prova del rimbalzo

Inizia luglio e subito si inizia con dei movimenti molto interessanti, oltre che sul Forex, anche sul mercato azionario con Dax e Ftse Mib che battono nuovi minimi a differenza di un mercato americano che invece continua a tenere i minimi registrati a fine giugno. La dinamica tra mercati europei e mercati americani è diversa ma la direzionalità di base rimane invariata, così come la possibilità di vedere una possibile inversione nel breve periodo.

Cosa sta succedendo ai mercati europei

Il mese di giugno ha chiuso le sue contrattazioni confermando un trend ribassista che effettivamente è ancora in atto. La particolarità delle dinamiche europee è che esse stanno affrontando nuovi minimi annuali, registrati proprio ieri e che sono stati ricomprati immediatamente all’apertura del cash del mercato americano. In questo senso, il mercato si sta probabilmente preparando a un rimbalzo ma, per rispettare le dinamiche attuali, bisogna aspettare forse qualche settimana, forse una, prima di vedere un pattern che dia la conferma di un possibile rimbalzo delle quotazioni dei mercati azionari.

Ieri Ftse Mib registrava nuovi minimi e Dax andava sotto i 12400, area fondamentale per un rimbalzo di breve periodo e che dovrà essere monitorata attentamente nel corso delle prossime settimane. In questo contesto di mercato dobbiamo stare molto attenti in quanto stiamo sui minimi annuali per i mercati azionari europei e per le major del Forex.

Euro debolissimo affossa l’azionario

Chi ha osservato ieri i mercati ha potuto osservare come l’azionario americano, soprattutto il Nasdaq, abbia fatto dei movimenti rialzisti di un certo tenore rispetto ai mercati azionari europei. I mercati americani ieri si sono dimostrati più forti al rialzo dopo i fortissimi movimenti ribassisti di lungo periodo ai quali abbiamo assistito nel corso degli ultimi mesi. Questo forte recupero, accompagnato da un enorme selloff su Eurusd e soprattutto sul Crude Oil (Petrolio) che ieri ha perso circa un 10% dai massimi, potrebbe essere indice della volontà di rialzo del mercato.

Quello che ora dobbiamo fare per le prossime giornate e per la prossima settimana (almeno), è cercare qualche pattern di inversione sia su EurUsd che su indici come Ftse Mib e Dax che si trovano tutti pericolosamente su minimi che a livello sia tecnico che macro hanno enorme rilevanza. Rispetto ai movimenti di ieri, EurUsd ha mostrato di essere molto rilevante, pertanto aspettiamoci una certa correlazione positiva tra EurUsd e mercati azionari nel corso dei prossimi giorni

Dax 6 luglio settimanale Dax 6 luglio settimanale Minimi di Dax per un'inversione rialzista

Cosa fare in questi casi

Per quanto riguarda il Dax40, monitoriamo l’area compresa tra 12600 e 12300 che potrebbe essere l’area dove si formerebbe un eventuale pattern rialzista fondamentale per l’andamento del mercato fino a settembre/ottobre. La formazione di questo pattern deve essere contemporanea alla formazione di un pattern uguale o simile sia su Ftse Mib che su EurUsd.

Sembrerà strano parlare in questi termini, ossia mettere in correlazione così forte il mercato azionario con il mercato dei cambi, ma in realtà i mercati finanziari stanno puntando moltissimo sul dollaro e movimenti repentini di quest’ultimo potrebbero essere determinanti per quanto riguarda i movimenti di mercato delle prossime settimane. Questi eventuali pattern hanno validità per un rialzo fino a settembre/ottobre, successivamente dovremmo di nuovo considerare l’idea che il mercato possa ritornare fortemente ribassista nel lungo periodo fino al 2023.

Argomenti

# DAX

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.