“Dabus è senziente": ricercatore sostiene che la sua IA è in grado di pensare in maniera indipendente

Enrica Perucchietti

6 Settembre 2023 - 08:00

Stephen Thaler insiste sul fatto che la sua intelligenza artificiale, Dabus, è una «nuova specie» che merita diritti di proprietà intellettuale in quanto «essere senziente».

“Dabus è senziente

L’ascesa dell’intelligenza artificiale generativa ha portato con sé una serie di questioni etiche e legali complesse, tra cui quella legata ai diritti di autore. In quasi tutti i Paesi, infatti, il diritto d’autore richiede un atto «autoriale», in quanto l’opera d’arte deve riflettere l’idea originale di una persona.

Una delle figure centrali in questa controversia è Stephen Thaler, il creatore dell’intelligenza artificiale chiamata Dabus (Device for the Autonomous Bootstrapping of Unified Sentience).

Come riferito da Wired, Thaler sostiene che Dabus sia senziente e che, di conseguenza, abbia diritto a rivendicare la proprietà intellettuale delle opere da essa generate, tra cui un’illustrazione chiamata «A recent entrance to paradise». [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo