Crisi Roberto Cavalli: ci pensa la Damac?

Il Cda della maison ha analizzato le 3 proposte sul tavolo: per il salvataggio di Roberto Cavalli sarebbe favorita la Damac Properties con sede a Dubai.

Crisi Roberto Cavalli: ci pensa la Damac?

Sarà la Damac Properties a salvare la Roberto Cavalli? La società di sviluppo immobiliare con sede a Dubai sembra essere la favorita tra i 3 soggetti che hanno presentato un’offerta vincolante per acquisire la maison di moda fiorentina.

Mercoledì 19 giugno, il Cda della società ha infatti esaminato i 3 piani industriali arrivati sul tavolo e secondo fonti vicine alla nota casa di moda, sarebbe proprio la Damac ad aver catalizzato l’interesse del board.

Damac compra Roberto Cavalli?

È da tempo che la Roberto Cavalli è in crisi. La consistente perdita di oltre 30 milioni incassata nel 2017 ha portato, nel settembre scorso, a un aumento di capitale da 5 milioni di euro da parte di Clessidra, il fondo che dal 2015 detiene il 90% del gruppo.

Evidentemente non è bastato. Le difficoltà sono continuate e a fine marzo di quest’anno, la società si è rivolta al Tribunale di Milano per chiedere di essere ammessa alla procedura di concordato preventivo in continuità.

Nel frattempo, è partita la ricerca di un potenziale acquirente, in grado di risollevare la maison dalla crisi e rilanciare il brand.

Tra le 3 offerte arrivate al vaglio del Consiglio di amministrazione, anche quella – ritenuta interessante – di Damac, presieduta e fondata da Hussain Sajwani, che Forbes ha incoronato come quarto uomo più ricco degli Emirati Arabi.

Gli altri due aspiranti acquirenti sono la Otb di Renzo Rosso, licenziataria della linea Just Cavalli, e il fondo americano Bluestar Alliance.

La precedente collaborazione

Damac e Roberto Cavalli hanno già avuto modo di incontrarsi nel recente passato, nell’ambito di un progetto per la realizzazione del design d’interni per cinque nuovi hotel extra lusso.

La società di sviluppo immobiliare con sede a Dubai -fanno notare gli esperti - sta puntando sugli investimenti all’estero come risposta al rallentamento delle opportunità di business negli Emirati Arabi.

Così ha messo gli occhi sulla casa di moda italiana, ma anche sul mercato immobiliare di Londra, dove sarebbe pronta a iniettare 1,3 miliardi di dollari.

Ora non resta che aspettare notizie ufficiali per sapere se sarà davvero la Damac ad acquisire la Roberto Cavalli, società in sofferenza che nel tempo ha avuto diversi cambi ai vertici creativi e manageriali.

Sul dossier si dovranno esprimere anche il commissario giudiziale, Giorgio Zanetti, e il Tribunale di Milano.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Moda

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO