Coronavirus: Salvini grida allo scandalo per lo svuota-carceri

Violetta Silvestri

18/03/2020

27/01/2021 - 11:44

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Salvini lancia un nuovo allarme causato dal coronavirus: delinquenti e spacciatori saranno presto fuori dal carcere con le nuove norme del decreto Cura Italia. Il leader della Lega non ci sta e promette battaglia.

Coronavirus: Salvini grida allo scandalo per lo svuota-carceri

Matteo Salvini attacca nuovamente il Governo sul coronavirus. Questa volta nel mirino c’è il cosiddetto provvedimento svuota-carceri.

Un vero scandalo secondo il leader della Lega, che promette battaglia in Parlamento e ribadisce la sua netta contrarietà a una misura che fa uscire da galera spacciatori e delinquenti.

Le parole usate sono categoriche: Salvini qualifica come delle schifezze i provvedimenti contenuti nel decreto Cura Italia che vorrebbero allentare il rischio contagio nelle carceri sovraffollate.

Una motivazione, quella della sicurezza sanitaria, assolutamente inaccettabile e falsa per il capo della Lega, il quale ha escluso un modo categorico il consenso del suo partito alla misura.

Il grido lanciato da Salvini contro lo svuota-carceri è indignato, così come la sua posizione sul Governo e la gestione del coronavirus.

Cornavirus, Salvini: “svuota-carceri mai con il consenso Lega”

Matteo Salvini non ci sta ad alleggerire la pena di quelli che lui stesso definisce “delinquenti e spacciatori” con la scusa dell’emergenza coronavirus.

Il suo attacco è tutto rivolto al ministro della Giustizia Bonafede e al Partito Democratico che hanno sostenuto il provvedimento sintetizzato svuota-carceri.

Si tratta di misure volte a trasformare alcune pene in domiciliari per evitare che il sovraffolamento nelle carceri si trasformi in una vera e propria bomba esplosiva per la diffusione dell’epidemia. Con conseguenze inimmaginabili sui contagi di detenuti e di tutti i lavoratori negli istituti penitenziari.

Il leader della Lega, però, non approva affatto le mascherate buone intenzioni del Governo. Così si pronuncia sullo svuota-carceri:

“Svuota-carceri e amnistie per migliaia di spacciatori e delinquenti? Se qualcuno pensa di usare l’emergenza sanitaria per far passare delle schifezze non avrà mai il consenso della Lega. Si tratta dell’uscita dal carcere anticipatamente di migliaia e migliaia di detenuti.”

Misure inconcepibili per Salvini, che elenca i potenziali fruitori di questo provvedimento - che prevede arresti domiciliari, non l’uscita diretta dalla galera - e sottolinea che si tratterebbe di spacciatori, truffatori e rapinatori.

Il segnale dato agli italiani, secondo il leader della Lega, è negativo e sbagliato, contrario al principio della certezza della pena. Dello stesso avviso anche il resto del partito, che oggi si è espresso anche con le parole di Andrea Ostellari, presidente della Commissione Giustizia del Senato:

“Un vero e proprio premio per i delinquenti dopo le rivolte. Il Governo ha calato le braghe, Bonafede ha ceduto al ricatto dei rivoltosi delle carceri”.

Salvini, quindi, grida allo scandalo per lo svuota-carceri e promette battaglia in Aula. Il coronavirus non può, a suo avviso, legittimare tali ingiustizie.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories