Concorso Senato per assistenti parlamentari con licenza media: requisiti e come candidarsi

Bandito un concorso pubblico del Senato per assistenti parlamentari aperto anche a chi ha solo la licenza media. Vediamo quali sono i requisiti e come candidarsi.

Concorso Senato per assistenti parlamentari con licenza media: requisiti e come candidarsi

Un nuovo concorso pubblico al Senato è in arrivo ed è riservato anche a chi ha solo la licenza media. Il concorso prevede la copertura di 30 posti di assistente parlamentare.

Il bando è stato pubblicato il 14 gennaio 2020 sulla Gazzetta Ufficiale e arriva dopo quello per 60 coadiutori parlamentari le cui selezioni sono ancora in corso.

I candidati che hanno i requisiti per accedere al concorso dovranno sostenere, come stabilito dal bando, una prova preliminare, una prova scritta e una prova orale articolate in più passaggi e delle prove tecniche.

La domanda per partecipare al concorso pubblico del Senato per 30 posti di assistente parlamentare riservato a chi ha la licenza media deve essere inoltrata entro e non oltre le ore 18.00 del 14 febbraio 2020. Vediamo allora quali sono i requisiti per partecipare al concorso del Senato e come candidarsi.

Concorso Senato: i requisiti

Il concorso pubblico del Senato per assistenti parlamentari prevede dei requisiti specifici che vanno oltre il solo possesso della licenza media. Chi vuole partecipare al concorso e accaparrarsi uno dei 30 posti deve:

  • essere cittadino italiano;
  • avere l’esercizio dei diritti civili e politici;
  • avere la licenza di scuola media con voto minimo di 8/10 o anche non inferiore a “buono” o altro titolo equipollente;
  • avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni (non compiuti);
  • godere dell’idoneità fisica a svolgere le mansioni professionali richieste.

Il concorso è aperto anche a coloro che già sono dipendenti del Senato ai quali, al fine della partecipazione alla selezione, non è richiesto il requisito dell’età.

Prima di vedere come inviare la domanda per la partecipazione al concorso pubblico del Senato, scopriamo quali sono le prove d’esame per diventare assistente parlamentare.

Concorso pubblico Senato: le prove d’esame

Il concorso pubblico al Senato prevede lo svolgimento di alcune prove d’esame superate le quali ci si inserisce in graduatoria con la speranza di rientrare tra i 30 fortunati assistenti parlamentari.

I candidati al concorso saranno però prima chiamati a sostenere una prova preliminare in virtù di una scrematura iniziale.

Nella Gazzetta Ufficiale, nella 4ª Serie speciale “Concorsi ed esami” verrà data comunicazione il 21 aprile 2020 del diario della prova preliminare.

La prova preliminare consiste in 50 quesiti a risposta multipla di cui:

  • 20 di carattere logico-matematico;
  • 20 di carattere critico-verbale;
  • 10 per accertare la conoscenza della lingua inglese per un livello che non sia inferiore al B1.

Alla prova preliminare seguirà una prova scritta cui saranno ammessi i candidati classificati fino al 300esimo posto in graduatoria. La prova scritta è così articolata:

  • 5 quesiti sulla storia d’Italia dal 1861 ai giorni nostri;
  • 5 quesiti sull’ordinamento costituzionale italiano;
  • 5 quesiti sul primo soccorso;
  • 5 quesiti sulla sicurezza sul lavoro;
  • la traduzione di un testo di lingua inglese (livello di competenza B1).

Superano la prova i candidati che avranno conseguito un punteggio complessivo non inferiore a 42 punti e non inferiore a 12 per ogni singola prova. A ciascuna prova sono attribuiti punti fino a un massimo di 20.

A seguire, per chi ha superato la prova scritta, sono previste delle prove orali e tecniche così articolate:

  • prova orale sulla storia d’Italia dal 1861 ai giorni nostri;
  • prova orale sull’ordinamento costituzionale italiano;
  • lettura e traduzione di un brano scritto nella lingua
  • inglese;
  • una prova tecnica per accertare la conoscenza delle principali informazioni sul Senato della Repubblica nella sezione “Relazioni con i cittadini” del sito istituzionale;
  • prova tecnica per accertare la conoscenza di Excel e Word.

Sulla base del punteggio complessivamente ottenuto in tutte le prove del concorso per il Senato i candidati saranno inseriti in un’apposita graduatoria.

Vediamo ora come candidarsi al concorso pubblico i cui termini scadono il 14 febbraio 2020 alle ore 18.00.

Come candidarsi al concorso pubblico per il Senato: la domanda

Per candidarsi al concorso pubblico per il Senato come assistente parlamentare bisogna inoltrare la domanda per via telematica. Per fare domanda bisogna:

Per avere ulteriori dettagli sul concorso pubblico per il Senato della Repubblica rimandiamo al bando ufficiale riportato di seguito. Inoltre segnaliamo un articolo di Money.it su tutti i concorsi pubblici per la Camera dei Deputati.

Bando concorso Senato per assistente parlamentare.
Testo completo del bando di concorso del Senato della Repubblica per 30 posti di Assistente parlamentare

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.