Concorso ATA 2018: date, procedure e numero di posti per immissioni in ruolo

Entro il 20 marzo 2018 i singoli USR dovranno pubblicare il bando per l’aggiornamento delle Graduatorie permanenti del Personale ATA. Qui le informazioni fornite dal MIUR e le previsioni sui posti disponibili.

Concorso ATA 2018: date, procedure e numero di posti per immissioni in ruolo

In arrivo un nuovo “concorso per il personale ATA per la copertura dei posti vacanti lasciati liberi dai pensionamenti.

In realtà per gli ATA non si può parlare di un vero e proprio concorso; per il reclutamento del personale di ruolo, infatti, si procede con lo scorrimento delle Graduatorie permanenti. Si tratta di graduatorie alle quali possono iscriversi solamente coloro che hanno maturato almeno 24 mesi di servizio come personale ATA, ai quali viene data la possibilità di candidarsi per un posto di ruolo.

Queste graduatorie vengono aggiornate ogni anno: nei prossimi mesi quindi coloro che ne risultano già iscritti potranno inviare la domanda per aggiornare il proprio punteggio in graduatoria (aumentando le possibilità di essere assunti) mentre chi non lo è, ma nel frattempo ha maturato il requisito dei 24 mesi di servizio, potrà presentare la richiesta di inserimento.

Di seguito vi daremo tutte le informazioni sul “concorso” Ata 2018, o meglio sull’aggiornamento delle Graduatorie permanenti per l’a.s. 2018-2019; vi ricordiamo invece che non è prevista la riapertura della III fascia delle Graduatorie d’Istituto utili ai fini delle supplenze, dal momento che queste hanno una validità triennale e l’ultimo aggiornamento risale al 2017 (ma avrà validità per il triennio 2018-2020).

Quindi se volete entrare a far parte del personale ATA - ma non siete iscritti in nessuna graduatoria - per voi l’unica possibilità è quella di inviare una domanda di messa a disposizione ad ogni singola scuola, candidandovi così a ricoprire un posto vacante come supplenti.

Ecco invece quello che sappiamo al momento sull’aggiornamento delle Graduatorie permanenti per il personale ATA, partendo dalle scadenze indicate dal MIUR.

Date

Il 27 febbraio 2018 il Ministero dell’Istruzione ha inviato ai singoli USR una nota con la quale dà avvio ai lavori per la formulazione dei nuovi bandi (per soli titoli) per l’aggiornamento delle Graduatorie permanenti per l’a.s. 2018-2019.

Nel dettaglio, il MIUR ha dato agli USR meno di un mese di tempo per l’elaborazione dei singoli bandi, fissando come termine per la pubblicazione il 20 marzo 2018.

Questo per permettere agli insegnanti di presentare la domanda in tempo utile per far sì che l’aggiornamento delle Graduatorie permanenti avvenga entro l’inizio dell’a.s. 2018-2019, così da utilizzarle per l’assegnazione di supplenze e immissioni in ruolo.

Come funzionano le graduatorie?

Ricordiamo che le graduatorie sono provinciali, quindi per iscriversi bisogna attendere la pubblicazione del bando dell’USR di riferimento.

In linea generale, comunque, il MIUR non ha previsto modifiche rispetto all’aggiornamento delle Graduatorie permanenti avvenute lo scorso anno; nessuna novità quindi per quel che riguarda i punteggi, né per i requisiti necessari per l’iscrizione.

Nel dettaglio, ricordiamo che potranno inviare domanda di iscrizione - o aggiornamento - alle Graduatorie permanenti coloro che posseggono i titoli per uno dei profili dell’area professionale A e B del personale ATA e che per lo stesso ruolo hanno maturato 24 mesi di servizio.

Possono accedere alle graduatorie sia i cittadini italiani che quelli comunitari, ma anche quelli stranieri se:

  • sono familiari di un cittadino degli Stati membri UE;
  • titolari di permesso di soggiorno UE;
  • in possesso dello status di rifugiati.

Infine la nota del MIUR precisa che coloro che hanno chiesto il depennamento per presentare domanda di III fascia in provincia diversa possono presentare la domanda di inserimento in questa nuova provincia, “nelle more della pubblicazione delle nuove graduatorie d’istituto”.

A questo punto l’unico aspetto che resta da chiarire è quello riguardante il contingente di posti per le immissioni in ruolo 2018-2019. Questo non è stato ancora svelato dal MIUR tuttavia possiamo farci un’idea analizzando i dati sui prossimi pensionamenti.

Personale ATA: quanti pensionati nel 2018-2019?

In totale per il personale ATA sono state presentate 7.936 richieste di pensionamento per l’a.s. 2018-2019.

Il profilo professionale con più posti liberi sarà quello del collaboratore scolastico per il quale le domande di pensionamento ammontano a 3.750. Le Regioni con il maggior numero di posti per questo profilo dovrebbero essere rispettivamente Lombardia (594), Campania (414) e Sicilia (402).

Per quanto riguarda i profili di assistenti tecnici e amministrativi verranno liberati rispettivamente 612 e 2.848 posti; per maggiori informazioni su come sono distribuiti i posti vacanti e per scoprire quali sono le Regioni con maggiori opportunità vi consigliamo di scaricare il file che trovate di seguito contenente tutte le tabelle sui pensionamenti del personale ATA per l’a.s. 2018-2019.

Tabella prospetto pensionamenti insegnanti e personale ATA
Clicca qui per scaricare la tabella con tutti i dati sui pensionamenti, sia per gli insegnanti che per il personale ATA, previsti per l’a.s. 2018-2019.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Personale ATA

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Simone Micocci

Simone Micocci

2 settimane fa

NoiPA: lo stipendio di settembre potrebbe arrivare in ritardo

NoiPA: lo stipendio di settembre potrebbe arrivare in ritardo

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

2 settimane fa

Messa a disposizione a.s 2018-2019, domanda Fac-Simile per docenti e ATA

Messa a disposizione a.s 2018-2019, domanda Fac-Simile per docenti e ATA

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 mese fa

Il futuro della scuola spiegato dal Ministro dell’Istruzione

Il futuro della scuola spiegato dal Ministro dell'Istruzione

Commenta

Condividi