Dai concorsi alle assunzioni: novità per la scuola nel testo definitivo del Dl Sostegni bis

Teresa Maddonni

23 Luglio 2021 - 13:41

condividi

Novità per la scuola con le modifiche al decreto Sostegni bis introdotte dalla legge di conversione approvata in via definitiva: dai nuovi concorsi alle assunzioni degli insegnanti di sostegno.

Dai concorsi alle assunzioni: novità per la scuola nel testo definitivo del Dl Sostegni bis

Arrivano novità per la scuola con la legge di conversione del decreto Sostegni bis approvata in via definitiva al Senato il 22 luglio.

Il decreto n.73 del 25 maggio 2021 viene quindi ampliato e per la scuola si prevedono nuovi concorsi e assunzioni di insegnanti di sostegno specializzati entro il 31 luglio 2021.

Non solo per la scuola si prevede, grazie agli emendamenti approvati alla legge di conversione del decreto Sostegni bis, anche la stabilizzazione dei precari e gli inserimenti dell’organico Covid per il prossimo anno scolastico.

Il decreto Sostegni bis dal 26 maggio aveva già introdotto novità per la scuola con il concorso semplificato e del quale sono state anticipate le selezioni per le materie scientifiche STEM.

Il testo della legge di conversione del decreto Sostegni bis introduce ora una novità assoluta vale a dire un concorso scuola straordinario che dovrà tenersi entro la fine dell’anno.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le novità del testo della legge di conversione del Dl Sostegni bis sulla scuola.

Concorso straordinario entro il 31 dicembre 2021

Un concorso scuola straordinario entro il 31 dicembre 2021: è questa una delle grandi novità della legge di conversione del decreto Sostegni bis. Un emendamento approvato prevede l’inserimento all’articolo 59 del decreto Sostegni bis del comma 9-bis.

Lo stesso comma prevede il concorso scuola straordinario per l’assunzione di insegnanti precari e secondo alcune stime si arriverebbe a quota 10mila.

Il concorso scuola straordinario nella legge di conversione del decreto Sostegni bis consiste in una prova disciplinare da tenere entro il 31 dicembre 2021, le cui caratteristiche sono definite con decreto del Ministro dell’istruzione. Il punteggio conseguito nella prova permette di entrare nelle graduatorie regionali.

I candidati vincitori del concorso scuola straordinario, collocati in posizione utile in graduatoria, partecipano a un percorso di formazione, con oneri anche a loro carico precisa il testo della legge di conversione, anche in collaborazione con le università.

Al termine del percorso è prevista una prova conclusiva sempre secondo modalità definite dal decreto del Ministro dell’istruzione.

Possono partecipare al concorso scuola straordinario, per una sola classe di concorso e per una sola regione, coloro che abbiamo almeno 3 anni di servizio negli ultimi 5 anni.

Gli stessi partecipanti al concorso scuola straordinario dovranno avere almeno un anno di servizio nella classe di concorso per la quale svolgono la selezione.

Al termine della procedura del concorso scuola straordinario, del percorso di formazione quindi, se la valutazione dell’insegnante è positiva lo stesso è assunto a tempo indeterminato a partire dal 1° settembre 2022. Nel corso dell’anno scolastico gli insegnanti assunti svolgono comunque il percorso annuale di formazione iniziale e prova. Le graduatorie di merito regionali vengono meno con l’immissione in ruolo dei vincitori del concorso.

La legge di conversione del decreto Sostegni bis prevede per la scuola sempre in tema di concorsi:

  • l’eliminazione la norma del decreto Sostegni bis che stabilisce che coloro che non superano la prova ordinaria possono partecipare alla selezione successiva;
  • il via libera al concorso per dirigente tecnico a chi abbia almeno 3 anni di servizio in quella posizione;

Inoltre, ma si tratta di anticipazioni che dovranno essere confermate dal Miur, si prevede che il concorso scuola ordinario per le altre classi di concorso bandito nel 2020 possa prendere il via a ottobre, come altri concorsi pubblici nel 2021.

Assunzioni insegnanti di sostegno e organico Covid

Altra novità della legge di conversione del decreto Sostegni bis approvata riguarda gli insegnanti di sostegno e organico Covid. Nel dettaglio si prevede che vengano stabilizzati gli insegnanti di sostegno che si siano specializzati, con il ciclo di TFA, entro il 31 luglio 2021.

Si prevede che dal prossimo anno scolastico gli insegnanti di sostegno vengano assunti a tempo determinato e poi, dopo l’anno di prova e relativa valutazione finale, a tempo indeterminato.

Non solo vengono inseriti 400 milioni di euro nel nuovo testo per assunzioni di insegnanti Covid e personale ATA fino alla fine del 2021 e precisamente fino al 30 dicembre.

Nonostante i concorsi, il decreto Sostegni bis definitivo, oltre a stanziare ulteriori 10 milioni di euro per gli istituti paritari per l’infanzia, prevede che il 30% dei posti disponibili nelle selezioni siano destinati ai precari della scuola.

I posti sono riservati, prevede il testo, per ciascuna regione, classe di concorso e tipologia di posto, “in favore di coloro che hanno svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione al concorso, un servizio presso le istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni scolastici, anche non continuativi, nei dieci anni precedenti.

Iscriviti a Money.it