Cina e Fed riaccendono i prezzi dei metalli

Violetta Silvestri

4 Ottobre 2022 - 11:19

condividi

Il mercato dei metalli torna a splendere con prezzi i aumento: le prospettive della Cina e le mosse della Federal Reserve restano alla base dei movimenti anche di queste materie prime.

Cina e Fed riaccendono i prezzi dei metalli

I prezzi di rame e alluminio sono saliti dopo che i dati deboli sulla produzione statunitense hanno attenuato la preoccupazione che la Federal Reserve inasprirà la politica monetaria in modo sempre più aggressivo e rapido.

Il mercato dei metalli è in balia della volatilità globale di questi mesi e rispecchia tutte le incertezze sulla crescita economica mondiale e sull’impatto di banche centrali molto attive conto l’inflazione.

Per questo, il movimento dei prezzi di rame, alluminio e altri metalli è osservato con attenzione da investitori e analisti: perché i prezzi sono in aumento?

I prezzi dei metalli balzano: Cina e Fed guidano il rialzo

Il rame è salito del 2,2% a 7.671,50 dollari la tonnellata al London Metal Exchange alle 8:40 ora locale. L’alluminio è aumentato del 2,9% e lo zinco ha aggiunto l’1%: c’è dunque un rimbalzo di queste importanti materie prime.

La notizia è interessante per gli investitori e gli analisti di mercato. I volumi degli scambi di metalli industriali, infatti, sono diminuiti in tutto il mondo e potrebbero scendere ulteriormente poiché le minacce economiche derivanti dall’aumento dei tassi di interesse e dalla guerra in Ucraina gelano gli acquirenti, in particolare in Cina.

I volumi degli scambi di rame sono crollati fino a un terzo negli scambi globali di materie prime finora quest’anno e anche quelli della maggior parte degli altri metalli industriali sono affondati, con il nichel più colpito. L’indebolimento dell’appetito per queste materie prime è un segnale inquietante per l’economia globale.

Esso si traduce, in sostanza, nella previsione di uno scenario in declino, nel quale la domanda di metalli è destinata a cadere poiché non c’è crescita e non ci sono investimenti. Con un minor consumo, le materie prime sono destinate a calare di prezzo.

Per questo, il messaggio di oggi è suonato come diverso: le quotazioni dei metalli sono tutte in aumento.

L’indicatore dell’attività della fabbrica dell’Institute for Supply Management è sceso al livello più basso da oltre due anni a settembre. Ciò ha anche contribuito a spingere verso il basso il dollaro, rendendo i metalli prezzati nella valuta più convenienti per la maggior parte degli acquirenti.

I dati sull’occupazione in arrivo entro la fine della settimana dovrebbero fornire ulteriori indizi sulla traiettoria di aumento dei tassi della Federal Reserve, con tassi più elevati che potenzialmente minano l’attrattiva di attività non produttive come le materie prime. Dal lato della domanda, il minatore Freeport-McMoRan vede una nuova ondata di consumo di rame all’orizzonte.

In Cina, il più grande consumatore di metalli al mondo, si ipotizza che Pechino possa presto iniziare ad allentare il suo approccio rigoroso al contenimento del virus. Sebbene sia improbabile che un’inversione completa della politica di Covid-Zero avvenga al Congresso nazionale il 16 ottobre, è in arrivo un graduale allentamento, ha affermato in una nota Vivek Dhar, analista di materie prime presso la Commonwealth Bank of Australia.

Questo significa spinta della domanda e prezzi in rialzo, pressati da maggiori consumi.

Oro in ripresa: quanto durerà?

Tra i metalli, si segnala anche il recupero dell’oro.

Dopo il sorprendente rally di lunedì, l’oro ha continuato a salire e scambia sui $1.700 l’oncia all’inizio di martedì. Con il rendimento del titolo del Tesoro statunitense a 10 anni di riferimento che perde quasi il 2% nella giornata al di sotto del 3,6%, la coppia XAU/USD conserva il suo slancio rialzista.

Nello specifico, l’oro - asset rifugio - è salito di più da marzo, aiutato da un continuo calo dei rendimenti del Treasury a 10 anni e l’argento ha guadagnato di più da febbraio 2021.

Gli investitori sono rimasti nervosi per l’impatto di aumenti aggressivi dei tassi di interesse dopo che una serie di funzionari della Federal Reserve la scorsa settimana hanno ribadito la loro determinazione a combattere l’inflazione. Ciò nonostante i deboli dati manifatturieri statunitensi segnalano che la banca centrale statunitense potrebbe non inasprire eccessivamente la politica monetaria.

Gli operatori ora guarderanno ai dati sull’occupazione negli Stati Uniti in arrivo venerdì per ulteriori indizi sul percorso futuro della politica monetaria della banca centrale. Ciò significa che i metalli preziosi potrebbero avere una maggiore volatilità, con numeri forti che potrebbero stimolare ulteriori guadagni nei rendimenti obbligazionari che sarebbero dannosi per l’oro.

Argomenti

# Rame
# Oro

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.