Chi comprerà Tik Tok? Le ultime novità dopo la minaccia di Trump

Trump ha lanciato il ban di Tik Tok sul suolo statunitense entro 3 mesi se il social network continuerà a essere cinese. Chi comprerà l’app? Si rincorrono le indiscrezioni

Chi comprerà Tik Tok? Le ultime novità dopo la minaccia di Trump

Chi comprerà Tik Tok? Una domanda più che attuale dopo la il ban e la maniccia di Trump di circa 10 giorni fa.

Nell’eterna guerra commerciale e politica tra USA e Cina, infatti, si è scatenato il conflitto delle app. Nel mirino della Casa Bianca è finita da tempo la questione della sicurezza nazionale in pericolo a causa delle società tecnologiche e dei social cinesi.

Non solo il 5G con Huawei, quindi, ma anche la popolare app di messaggistica e condivisione video Tik Tok è entrata a pieno titolo nello scontro tra le due potenze.

Il diffuso social network, infatti è controllato dalla Cina tramite Byte Dance. Questo rappresenta un pericolo grave per gli Stati Uniti a detta di Trump.

Per questo, è scattato l’ultimatum: entro novembre un gruppo americano deve comprare l’app per poter avere accesso negli USA. Quali novità sul possibile acquisto di Tik Tok?

Tik Tok in vendita: spunta Oracle, le novità

Oracle, colosso del software aziendale, è in trattative per acquisire gli asset statunitensi, canadesi, australiani e neozelandesi della società social Tik Tok, secondo indiscrezioni.

Oracle starebbe lavorando con un gruppo di società di venture capital statunitensi che hanno già una partecipazione in Tik Tok. Il Financial Times ha anche riferito in precedenza sui colloqui e ha nominato General Atlantic e Sequoia Capital come due degli investitori che operano con Oracle.

Non c’è ufficialità sulle notizie, che restano tutte da confermare.

Ci sarebbero, comunque, colloqui di Oracle avviati per l’acquisizione delle attività di Tik Tok in quattro Paesi. L’interesse all’acquisto da parte della società software si aggiunge a quello manifestato da Microsoft da un mese circa.

Ora, il co-fondatore e presidente esecutivo di Oracle Larry Ellison ha espresso il suo sostegno al presidente Donald Trump, la cui amministrazione ha promesso di vietare Tik Tok negli Stati Uniti se il proprietario cinese ByteDance non cederà le sue attività negli Stati Uniti.

Ellison ha anche organizzato un evento di raccolta fondi per la campagna per Trump all’inizio di quest’anno.

Oracle non ha un’attività di social media o video rivolta ai consumatori, ma spendere decine di miliardi di dollari per acquisire un’azienda di social media consumer sarebbe un punto di partenza significativo.

Tik Tok protagonista della guerra USA-Cina

La tensione tra USA e Cina è ben testimoniata dalla vicenda di Tik Tok. L’ossessione di Trump sul pericolo per la sicurezza nazionale a causa delle società cinesi è ormai arrivata agli estremi.

Proprio dieci giorni fa il presidente degli Stati Uniti ha ribadito che:

“Ci sono prove credibili che mi portano a credere che ByteDance ... potrebbe intraprendere azioni che minacciano di compromettere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”

Più che sull’accordo commerciale per tariffe e volume delle esportazioni, il conflitto tra le due potenze si sta giocando su questo delicato terreno della tecnologia e della sicurezza.

Non a caso l’attenzione della Casa Bianca è più che mai concentrata su Huawei - sempre più messa alle strette da Trump - e sulle piattaforme social ampiamente diffuse, come Tik Tok.

Dove porterà questa guerra USA-Cina? E, soprattutto, quale destino avrà il social ora controllato da Pechino? I mercati stanno a guardare, non senza preoccupazione.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories