Cambio euro dollaro: guerra commerciale limiterà il recupero

Le ultime previsioni sul cambio euro dollaro formulate dopo le minacce di Trump contro la Cina. Quale impatto dalla guerra commerciale?

I dati intraday e in tempo reale del Grafico EUR/USD sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Anche il cambio euro dollaro alle prese con la guerra commerciale USA-Cina.

I mercati hanno reagito in maniera evidente alle ultime dichiarazioni di Donald Trump che qualche ora fa ha minacciato di imporre nuovi dazi - e di incrementare quelli già esistenti - sui beni in arrivo da Pechino determinando un vero e proprio sell-off sia sui mercati azionari (con la Cina a -6%) che su quelli petroliferi (con il Brent e il Wti a -2%).

L’ottimismo delle ultime settimane e le previsioni relative all’imminente raggiungimento di un accordo sono stati definitivamente accantonati. Anche il cambio euro dollaro ha reagito alle ultime novità sul fronte guerra commerciale ed è tornato a scambiare in ribasso abbandonando la soglia di 1,12.


La quotazione dell’EUR/USD dall’inizio del mese ad oggi

Cambio euro dollaro: l’impatto della guerra commerciale

La flessione dell’EUR/USD è iniziata venerdì dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro statunitense. Se i Non Farm Payrolls hanno sorpreso le previsioni degli analisti e la disoccupazione è scesa al 3,6%, i salari medi hanno rivisto negativamente le attese del consensus.

Il +0,2% su base mensile e il +3,2% su base annua si sono confrontati con i previsti +0,3% e +3,3%.

Ad aggiungere pressioni ribassiste sul cambio euro dollaro sono stati poi i dati sul PMI non manifatturiero dell’ISM e i commenti dovish del Presidente della Fed di St. Louis James Bullard.

Le cose non sono andate meglio con l’arrivo della nuova settimana. L’EUR/USD ha nuovamente fatto i conti con la guerra commerciale USA-Cina e con le minacce di Trump, pronto ad alzare i dazi sui beni provenienti dall’economia asiatica.

Le dichiarazioni del Presidente hanno allontanato l’ipotesi di accordo e hanno spinto gli investitori a gettarsi come sempre sui beni rifugio tra cui il biglietto verde. Di conseguenza il cambio euro dollaro si è riportato poco sopra 1,11 ma ha successivamente cercato di recuperare pur senza riuscire a riportarsi su 1,12.

Questo sentiment di avversione al rischio, secondo diversi osservatori, continuerà a limitare il recupero della coppia che in giornata dovrà vedersela con dati macro di rilievo tra cui i PMI di Italia, Francia, Germania ed Eurozona.

Al momento in cui si scrive, intanto, il cambio euro dollaro sta scambiando con un rosso dello 0,11% su quota 1,1193.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati per ricevere le news su Euro-Dollaro (EURUSD)

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.