Le Borse mondiali sono crollate

Cristiana Gagliarducci

6 Febbraio 2018 - 16:14

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Le Borse mondiali sono crollate oggi, in quello che è stato definito come il “martedì nero” del mercato azionario globale. Cosa è accaduto?

Le Borse mondiali sono crollate oggi, trascinante nel baratro dalle pessime performance del mercato azionario statunitense.

Nella giornata di venerdì, Wall Street ha archiviato gli scambi con ribassi superiori ai due punti percentuali; i rossi hanno avuto immediate ripercussioni sulle Borse europee nella prima sessione della settimana ed hanno trascinato nel baratro l’intero azionario del Vecchio Continente.

Se la giornata di lunedì è stata da dimenticare, quella di oggi, martedì 6 febbraio, è risultata ancor più faticosa per le Borse mondiali, di nuovo affossate dalle pessime performance di Wall Street che ha ieri perso più del 4%. È un nuovo martedì nero per il mercato azionario globale

Wall Street fa tremare

Esattamente come accaduto nella sessione di venerdì, anche ieri Wall Street ha risentito delle preoccupazioni relative al miglioramento dell’economia statunitense che potrebbe portare ad un aumento dell’inflazione e, di conseguenza, ad un aggiustamento più rapido della politica monetaria (addio dunque alle iniezioni di liquidità sui mercati).

I rossi di venerdì sono impalliditi rispetto a quelli registrati nella prima sessione della settimana dall’azionario americano. Il Nasdaq, ad esempio, ha archiviato gli scambi con una perdita del 3,62%, mentre l’S&P 500 ha chiuso con un pessimo 4,10%.

Il peggiore tra i principali indici di Wall Street è stato però il Dow Jones, che ha spaventato il mercato azionario intero con una perdita del 4,60%.

La sessione di oggi (dunque quella di martedì) si è aperta in verde per gli USA. Il Dow sta guadagnando lo 0,49%, mentre il Nasdaq sta scambiando a +1,14% e l’S&P 500 a +0,68%.

Il profondo rosso delle Borse europee

Dow Jones, Nasdaq, S&P. Tutti i principali indici di Wall Street hanno contribuito ad affossare le Borse europee e la Borsa Italiana oggi (neanche il recupero USA della sessione di oggi sta aiutando il Vecchio Continente). Qualche listino ha persino inaugurato le contrattazioni in ribasso di oltre due punti percentuali, ma a circa un’ora dal termine degli scambi la situazione si è mostrata come segue:

  • Francoforte: -1,38%
  • Londra: -1,21%
  • Parigi: -1,53%
  • Milano: -0,98%
  • Madrid: -1,65%

Le banche tra i titoli più colpiti, ma a Piazza Affari si è segnalata l’eccezione di Intesa Sanpaolo, unica in rialzo dopo i conti 2017.

Borse asiatiche oggi in picchiata

La pioggia di vendite che ha ieri interessato Wall Street si è abbattuta in mattinata sulle Borse asiatiche. Tra i più colpiti sicuramente l’indice Nikkei che è arrivato a perdere più del 5%, per poi chiudere a -4,76% su quota 21.603,50 punti.

Pessima oggi anche la chiusura dello Shanghai, che ha archiviato l’odierna sessione di Borsa a -3,38%, mentre il Kospi ha registrato un più contenuto -1,54%. L’Hang Seng ha poi chiuso con un rosso del 5,15%, mentre l’S&P/ASX 200 ha terminato la sessione in perdita del 3,20%.

Da Wall Street, passando per le asiatiche, fino ad arrivare alle europee, il crollo delle Borse mondiali è oggi evidente. Ci si chiede soltanto fin dove arriverà il ritracciamento dei principali indici del globo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories