Borsa oggi, 12 novembre 2020: Ftse Mib chiude in calo, nuovi minimi storici nell’asta di Btp

La Borsa oggi, 12 novembre 2020, ha chiuso la seduta in territorio negativo dopo i forti acquisti innescati dalla notizia del vaccino di Pfizer. Spread in calo nel giorno dei nuovi minimi storici registrati nell’asta di Btp.

Borsa oggi, 12 novembre 2020: Ftse Mib chiude in calo, nuovi minimi storici nell'asta di Btp

La Borsa oggi, 12 novembre 2020, ha chiuso la seduta in negativo dopo i decisi acquisti innescati dall’annuncio che il vaccino sviluppato da Pfizer e dalla tedesca BioNTech è efficace al 90%.

A spingere al ribasso l’umore degli investitori è stata anche la pubblicazione del Bollettino della Banca Centrale Europea.

Secondo l’istituto guidato da Christine Lagarde, con la seconda ondata della pandemia “i rischi sono chiaramente orientati verso il basso” e, di conseguenza, il Consiglio direttivo si appresta a valutare “le informazioni più recenti, inclusi la dinamica della pandemia, le prospettive sul rilascio di un vaccino e l’andamento del tasso di cambio” e “ricalibrerà i suoi strumenti, ove opportuno”.

L’eurodollaro segna un +0,32% a 1,18147 mentre un barile di Brent con consegna gennaio 2021 mette a segno la quarta seduta consecutiva di guadagni salendo di mezzo punto percentuale a 44 dollari.

Il greggio si conferma positivo anche se i report in arrivo dall’Opec e dalla statunitense Energy Information Administration (EIA) non fanno ben sperare.

Sia l’Organizzazione dei Paesi esportatori che la divisione statistica del Dipartimento dell’energia statunitense nelle ultime ore hanno ridotto la stima sulla domanda di petrolio nell’anno corrente.

Borsa oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib in rosso, spread beneficia contrazione tassi Btp

Il Ftse Mib ha chiuso a 20.817,73 punti, -0,83% sul dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania è sceso a 118 punti base (-1,9%) dopo che il Tesoro ha assegnato Btp per 6 miliardi di euro.

Nel caso dei titoli a 3 (da -0,14% a -0,19%) e 15 anni (da 1,91 a 1,05%) i rendimenti hanno fatto registrare nuovi minimi storici, mentre il 7 anni ha evidenziato un frazionale rialzo (da 0,34 a 0,35 per cento).

Nel giorno in cui hanno alzato il velo sui numeri trimestrali, le azioni Generali hanno perso lo 0,15%, Pirelli ha fatto segnare l’andamento peggiore del paniere principale (-6,52%) mentre Poste Italiane si è aggiudicata la palma di top performer con un +3,03%.

La firma di un accordo in vista della creazione di una joint venture con Engie Eps per la mobilità elettrica, non ha influito sull’andamento delle azioni Fiat Chrysler, in rosso del 2,11%.

“La joint venture –riporta la nota della casa italo-statunitense- offrirà in tutta Europa una gamma completa di prodotti e soluzioni - come infrastrutture di ricarica e pacchetti di energia verde – per tutti i clienti di veicoli elettrici”.

Piazza Affari, aggiornamento ore 13: Ftse Mib in rosso, tassi ai minimi nell’asta di Btp

Alle 13 il Ftse Mib registra un -0,44%, il Dax arretra dello 0,81% ed il Cac40 dello 0,86%.

Contrazione per lo spread Italia-Germania, -2,4% a 117 punti base, dopo che il Tesoro ha assegnato Btp per 6 miliardi di euro.

Nel caso dei titoli a 3 (da -0,14% a -0,19%) e 15 anni (da 1,91 a 1,05%) i rendimenti hanno fatto registrare nuovi minimi storici, mentre il 7 anni ha evidenziato un frazionale rialzo (da 0,34 a 0,35 per cento).

Dopo la diffusione dei conti, le azioni Generali perdono lo 0,89%, Pirelli arretra del 5,84% e Poste Italiane evidenzia un +2,83%.

Future Wall Street: Nasdaq punta a consolidare recupero

Al momento il derivato sul Dow Jones registra un -0,4%, quello sullo S&P500 non fa registrare variazioni di rilievo (-0,1%) ed il future sul Nasdaq sale dello 0,44%.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib in rosso, focus su Generali e Pirelli dopo la trimestrale

A Milano il paniere principale, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta di oggi, 12 novembre 2020, quota 20.922,72 punti, -0,34% sul dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania è poco mosso a 121 punti base (+0,7%).

Segno meno nei primi scambi anche per il Dax (-0,77%), per il Cac40 (-0,63%) e per il Ftse100 (-0,94%).

Dopo la diffusione dei conti dei primi nove mesi, le azioni Generali perdono lo 0,67%. Tra gennaio e settembre la compagnia triestina ha registrato un utile netto di 1,3 miliardi di euro, in contrazione rispetto ai 2,16 miliardi di 12 mesi prima. Il dato è di poco maggiore rispetto agli 1,28 miliardi stimati dagli analisti.

Sopra le stime anche il risultato operativo, passato da 3,93 a 4,02 miliardi (3,87 miliardi per gli analisti).

Tonfo per Pirelli (-3,9%), che nei nove mesi ha segnato ricavi per 3,09 miliardi, -23,4% anno su anno (3,05 miliardi per analisti) ed un’ultima riga di conto economico in rosso per 17,8 milioni di euro, dai +385,7 milioni precedenti.

I conti stanno invece spingendo al rialzo Poste Italiane (+3%), che ha terminato il terzo trimestre con un utile netto di 353 milioni di euro, +10,3% nel confronto tendenziale. Segno più anche per il giro d’affari, salito dello 0,8% a 2,6 miliardi di euro. L’acconto sul dividendo si attesta a 0,162 euro per azione, +5% rispetto ad un anno prima.

Borse asiatiche: borsa cinese ancora in rosso

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng registra un -0,19%, il China A50 ha terminato con un -0,37% ed il Nikkei ha chiuso con un +0,68%.

Decremento di mezzo punto percentuale per l’australiano S&P/ASX 200 (-0,49%).

Wall Street: Nasdaq prova a risalire

Ieri il Dow Jones ha terminato la seduta sostanzialmente piatto (-0,08%), lo S&P500 ha segnato un +0,77% ed il Nasdaq, penalizzato dopo la notizia del vaccino di Pfizer, ha messo a segno un +2,01%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories