Bollette più basse nel 2022 grazie al taglio dell’IVA: quanto si risparmia

Rosaria Imparato

10 Novembre 2021 - 11:03

condividi

Bollette più basse grazie al taglio dell’IVA: la Legge di Bilancio 2022 ha stanziato 2 miliardi di euro. Basteranno per fermare il caro energia? Vediamo quanto si risparmia e il piano del Governo.

Bollette più basse nel 2022 grazie al taglio dell'IVA: quanto si risparmia

Le bollette saranno più basse nel 2022 grazie alle risorse stanziate in Legge di Bilancio e destinate al taglio dell’IVA. La manovra finanziaria combatte il caro energia stanziando 2 miliardi di euro per intervenire sugli oneri di sistema, ma i fondi assegnati saranno abbastanza per coprire gli aumenti delle utenze per tutto l’anno?

E soprattutto, dal punto di vista pratico: quanto si risparmia? Facciamo il punto della situazione sulle novità che riguardano le bollette.

Bollette più basse nel 2022 grazie al taglio dell’IVA: quanto si risparmia

La Legge di Bilancio 2022 interviene sul caro bollette stanziando 2 miliardi di euro, che si vanno ad aggiungere ai 5 miliardi di luglio e settembre, quando il Governo è intervenuto per fermare gli aumenti trimestrali sulle utenze. Senza un intervento ad hoc, infatti, la prossima stangata su imprese e famiglie è prevista per gennaio 2022.

Stavolta però il Governo dovrebbe prendere provvedimenti più strutturali e intervenire con un taglio dell’IVA, in particolare sull’imposta sul valore aggiunto degli oneri di sistema. Si tratta di voci in bolletta riguardanti la copertura di costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico, per esempio:

  • gli incentivi alle rinnovabili;
  • l’incentivazione della produzione da rifiuti non biodegradabili;
  • la messa in sicurezza del nucleare alle misure di compensazione territoriale;
  • le agevolazioni tariffarie per il settore ferroviario;
  • il bonus elettrico per le famiglie economicamente in difficoltà.

Su questi oneri c’è l’IVA al 10%: praticamente, come sottolinea il Messaggero, una tassa sulla tassa. I due miliardi di euro stanziati dovrebbero servire a cancellare questa doppia tassa.

Bollette più basse nel 2022: il piano del Governo in Legge di Bilancio

In totale, gli oneri di sistema sono costati 14 miliardi di euro, su un ammontare complessivo per le bollette di 40 miliardi di euro. Nel 2021 il peso è diminuito grazie agli interventi del Governo che ha dimezzato gli oneri nel terzo trimestre abbassandoli all’11% della bolletta.

Secondo le anticipazioni del Messaggero, il Governo starebbe pensando di usare 1,5 miliardi derivanti dalle aste per le emissioni di CO2, il cui prezzo continua ad aumentare. I proventi incassati dallo Stato potrebbero essere usati per ridurre il costo finale delle utenze.

L’obiettivo finale del Governo è quello di far pagare l’IVA solo sull’energia effettivamente consumata.
Da considerare però, visto che nel 2020 gli oneri di sistema sono costati 14 miliardi di euro, che i 2 miliardi stanziati nella manovra 2022 rischiano evidentemente di non bastare per fermare i rincari per tutto l’anno.

Iscriviti a Money.it