Le autoscuole sono state tra i settori più colpiti dal coronavirus a causa della proroga della validità della patente di guida e delle importanti limitazione nello svolgimento delle lezioni e delle guide pratiche in strada.

Queste regole, adesso, sono state riviste e parificate alle norme che entreranno in vigore con la riapertura della suola: per le lezioni in classe sul Codice della strada basterà il metro di distanza tra i candidati, e non più 3 metri come era stato stabilito in precedenza.

Una vittoria per circa 2500 autoscuole sul territorio italiano, ottenuta grazie all’impegno di Paolo Colangelo, presidente della confederazione di categoria.

Autoscuola: 1 metro di distanza durante le lezioni

La disparità di trattamento tra le lezioni in autoscuola e negli altri istituti pubblici e privati è stata eliminata una volta per tutte. Ieri è stata pubblicata una circolare con la quale si revoca l’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza di 3 metri quadri durante le lezioni, imposta dai protocolli emanati all’inizio di giugno.

Così si passa da 3 metri e un metro di distanza, una misura che permette ad un maggior numero di persone di assistere alle lezioni e, quindi, di lavorare “quasi” a pieno regime. Per ottenere questo traguardo ci sono voluti diversi incontri con la Direzione generale della Motorizzazione a cui hanno preso parte la Presidenza e la Segreteria Autoscuole.

Da oggi in poi le regole in vigore durante le lezioni in sede sono quelle ordinarie previste dalle linee guida nazionali:

  • la distanza interpersonale di un metro;
  • l’obbligo di indossare la mascherina;
  • la presenza di dispenser per l’igienizzazione delle mani.

Queste le parole del presidente Confarca:

«Ringraziamo Speranzina De Matteo, capo dipartimento del MIT, e il direttore generale della Motorizzazione, Alessandro Calchetti per essere intervenuti celermente dopo l’approvazione del decreto di settembre, accogliendo le nostre istanze. Da ora in poi potremo tornare a lavorare con più allievi sempre nel rispetto delle misure per contrastare il Coronavirus».

Intanto il Parlamento ha appena convertito il dl Sicurezza che - tra le altre cose - introduce una mini-riforma al Codice della strada, con nuove regole per automobilisti e ciclisti e ztl in prossimità degli Istituti scolastici.