Atterraggio morbido per l’Europa, ma con venti contrari dice il FMI

James Hydzik

18 Maggio 2024 - 14:50

Il quadro del FMI dipinge un atterraggio morbido in Europa. Ma ci sono timori reali per l’inflazione core nell’Europa centrale, orientale e sudorientale. E poi ci sono le questioni strutturali.

Atterraggio morbido per l’Europa, ma con venti contrari dice il FMI

Il Fondo monetario internazionale (FMI) raccomanda di trascorrere questo fine settimana contemplando il potenziale atterraggio morbido dell’Europa dopo “l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, un grande shock energetico e l’emergere di un’economia globale più divisa”. Il 14 maggio, presso la Casa dell’Euro della Banca Centrale Europea a Bruxelles, gli esperti del FMI hanno esaminato la gestione degli shock da parte dell’UE nei suoi sistemi e cosa è necessario fare per garantire una crescita duratura.

Alcune delle preoccupazioni e delle conclusioni sono sulla stampa ormai da giorni. La produttività europea è inferiore a quella degli Stati Uniti, anche se il commento dell’analista secondo cui “a differenza degli Stati Uniti, l’Europa non può spopolare intere aree a causa degli effetti di concentrazione” viene generalmente trascurato. La necessità di una riforma del sistema bancario è stata colta dal presidente francese Emmanuel Macron, che ha raccomandato di fare di Parigi la nuova capitale del capitale.

I problemi dell’Europa

Tuttavia, il rischio che l’UE e i suoi Stati membri non riescano a ridurre gli squilibri macroeconomici nell’Europa centrale, orientale e sudorientale (CESEE) è un aspetto osservato, ma che è stato sottostimato. Il FMI indica “una crescita salariale ancora elevata, un’inflazione core più vischiosa e aspettative di inflazione persistentemente elevate” in questa regione.

Questi sono solo i problemi più immediati. Al di sotto di essi ci sono questioni strutturali che devono essere affrontate.

“La regione CESEE, dove gli investimenti privati erano già bassi prima della pandemia e dell’invasione russa dell’Ucraina, ha visto aumentare i livelli salariali relativi, mettendo sotto pressione la competitività. In tutto il continente, la frammentazione geoeconomica getta un’ombra sui vecchi modelli di crescita. Allo stesso tempo, le crescenti pressioni sulla spesa a lungo termine dovute all’invecchiamento della popolazione, alle ambizioni climatiche e all’aumento della spesa per la difesa richiedono riforme fiscali strutturali e aumentano l’urgenza di aumentare la crescita in modo sostenibile”.

A differenza delle “economie europee avanzate”, dove invece un atterraggio morbido sembra del tutto possibile, dati alcuni aumenti di produttività e “i margini di profitto che ritornano ai livelli pre-crisi”.

Altrove, è necessario ritirare la politica monetaria restrittiva e i sostegni fiscali introdotti dall’inizio della pandemia, mentre il settore immobiliare e le tensioni bancarie devono essere preparati e, soprattutto, creare le condizioni per gestire le tensioni derivanti dall’invecchiamento, dal clima e dalla difesa.

Nonostante ciò, il FMI resta ottimista. “Affrontare queste sfide non sarà facile. Eppure l’Europa ha dimostrato di poter superare anche gli ostacoli più gravi agendo con decisione e insieme. Con le giuste politiche, i politici possono garantire un atterraggio morbido e aumentare le prospettive di crescita a medio termine”, ha scritto.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2024-05-17 19:32:59. Titolo originale: IMF Sees A Soft Landing For Europe, But In Crosswinds

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo