Tenaris: trimestrale e prezzo del petrolio indeboliscono il titolo, come operare?

Oggi le azioni Tenaris sono in difficoltà in Borsa. Il deterioramento della struttura rialzista di breve periodo evidenzia come si potrebbero valutare strategie di matrice short per cercare di intercettare un’ulteriore ondata di vendite

Tenaris: trimestrale e prezzo del petrolio indeboliscono il titolo, come operare?

Seduta all’insegna delle vendite su Tenaris, che ha aperto in lap down a 11,65 euro, in flessione del 2,99% rispetto alla seduta di ieri.

A pesare sul titolo del comparto oil&gas sono i risultati del primo trimestre del 2019, che hanno evidenziato un calo del fatturato dell’11% (per approfondire). Non solo. A spingere le velleità ribassiste sulle azioni è anche la debolezza del prezzo del petrolio (clicca qui per l’analisi), a cui i corsi di Tenaris sono direttamente correlati.


Tenaris, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Dal punto di vista grafico, il titolo mette in luce un deterioramento della struttura tecnica di breve periodo. Nelle scorse sessioni l’avanzata dei compratori è stata frenata dal livello di concentrazione di offerta a 13,51 euro, lasciato in eredità dai minimi del 28 marzo 2018. I prezzi hanno poi effettuato la rottura della linea di tendenza che collega i minimi del 27 dicembre 2018 a quelli del 2 gennaio 2019.

Tra ieri e oggi inoltre è stata convalidata la violazione del supporto di breve periodo a 12,275 euro, dando maggior valore alla divergenza di inversione bearish a tre punti sull’RSI settato a 14 periodi.

Ulteriori indizi sulla debolezza che pervade i prezzi si possono ricercare osservando la conformazione delle barre che hanno formato l’impulso correttivo: in sei sessioni è stato ritracciato il rialzo delle 29 candele precedenti.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Tenaris


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it

Visto il deterioramento della struttura tecnica nel breve periodo, è ragionevole attendersi una prosecuzione delle vendite. Si potrebbero quindi valutare strategie di matrice short in caso di ritorno dei corsi sulla resistenza a 12,275 euro. Lo stop loss andrebbe posto a 13,66 euro, mentre l’obiettivo principale sarebbe localizzato a 10,89 euro. Il target finale si potrebbe invece individuare a 10,50 euro.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.