Airbnb pronta alla quotazione su Wall Street: le ultime novità sull’IPO

Airbnb pronta a presentare la sua IPO. La società leader negli affitti dovrebbe quotarsi in Borsa entro la fine dell’anno. I dettagli sul prossimo debutto a Wall Street.

Airbnb pronta alla quotazione su Wall Street: le ultime novità sull'IPO

Airbnb si prepara per la quotazione in Borsa entro la fine dell’anno.

Stando a quanto anticipato dal Wall Street Journal, infatti, il colosso degli affitti presenterà nelle prossime settimane i documenti per l’IPO alla SEC, la Consob americana, per lanciare al più presto la sua offerta pubblica iniziale.

Airbnb sta lavorando con Morgan Stanley e Goldman Sachs Group Inc. ai dettagli per l’atteso annuncio della IPO, anche se i due gruppi bancari non hanno voluto commentare.

Le azioni Airbnb, comunque, potrebbero essere negoziate già entro il quarto trimestre dell’anno. La startup avrebbe quindi deciso di sbarcare a Wall Street dopo che la pandemia di coronavirus ha sconvolto l’industria dei viaggi e come segnale di una ripresa del giro di affari.

Quotazione in Borsa per Airbnb: i dettagli dell’IPO

La società con sede a San Francisco si sta preparando a presentare i documenti alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti per un’offerta pubblica iniziale.

Lo sbarco a Wall Street di Airbnb sarebbe dunque ormai certo. L’amministratore delegato Brian Chesky aveva intenzione di avviare l’inserimento in Borsa a marzo, ma i suoi piani sono stati annullati dalla crisi per il COVID-19.

Le turbolenze causate dalla pandemia hanno costretto Airbnb a raccogliere 2 miliardi di dollari in titoli di debito e azioni ad aprile per sostenere le proprie finanze, riducendo la sua valutazione a 18 miliardi di dollari dai 31 miliardi di dollari di tre anni fa.

I divieti di viaggio e i lockdown hanno causato un calo delle prenotazioni pianificate di circa il 90% e Airbnb ha tagliato il 25% della sua forza lavoro nel tentativo di sopravvivere.

La società ha quindi deciso di seguire la tradizionale via dell’IPO per quotarsi a Wall Street, dopo aver registrato un rimbalzo nel settore affitti a partire da maggio. A luglio, i pernottamenti prenotati nel circuito Airbnb del mondo hanno superato quota 1 milione, un livello mai raggiunto dal marzo scorso.

Azioni Airbnb disponibili entro la fine del 2020

Il progetto del colosso degli affitti è di lanciare l’IPO e debuttare a Wall Street entro la fine del 2020.

La società spera di sbarcare sui mercati in un clima favorevole. Airbnb arriva alla quotazione come una delle startup di maggiore valore. I ricavi del 2019 hanno raggiunto la quota 4,8 miliardi di dollari.

La crescita dell’azienda è stato l’obiettivo primario dal 2008, anno della sua creazione, fino a oggi. Non è un caso che il piano di quotazione in Borsa sia arrivato dopo oltre dieci anni, necessari per consolidare Airbnb e preparare il lancio su Wall Street.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories