Fintech: l’IPO che fa sognare il mercato

Oltre il 66% di guadagno per le azioni Adyen nel giorno del debutto in Borsa. Toccato un massimo di 427 euro.

Fintech: l'IPO che fa sognare il mercato

Le azioni della società olandese di fintech Adyen hanno guadagnato oltre il 66% oggi nel loro primo giorno di mercato ad Amsterdam, in quella che si è presentata come una delle più grandi IPO europee di tecnologia degli ultimi tempi.

Ieri Adyen ha valutato le sue azioni 240 euro, nella parte più alta del range indicato nel prospetto. Questo ha dato alla società una capitalizzazione di mercato, o valutazione, di 7,1 miliardi di euro.

Ma le azioni hanno aperto oggi a 400 euro, segnando un aumento del 66% rispetto al prezzo iniziale, per poi toccare massimi di 503 euro, dando alla start up una valutazione di ben 14,8 miliardi di euro.

Adyen ora non sta emettendo nuove azioni, mentre i suoi azionisti stanno vendendo le loro - che rappresentano il 13,4% di quelle in circolazione - agli investitori istituzionali.

Adyen: volume dei pagamenti di 108 miliardi nel 2017

Adyen è una piattaforma di pagamento che ha in portafoglio clienti del calibro di Netflix, Facebook e Spotify. Vende inoltre POS per negozi fisici e gestisce pagamenti online e in negozio. Nel 2017 ha registrato un volume dei pagamenti di 108 miliardi di euro, di molto superiore rispetto ai 66 miliardi dell’anno precedente, con una crescita del 63%.

La società - fondata nel 2006 ad Amsterdam - è in trend positivo da tempo. Nel 2017 ha registrato un utile netto di 71,3 milioni di euro, sebbene in calo rispetto ai 97,2 milioni dell’anno precedente. I ricavi hanno superato il miliardo di euro per la prima volta nel 2017.

Pieter van der, CEO di Adyen, si è detto molto orgoglioso di aver dato vita a una realtà importante e con un team così ampio, e ha sottolineato che la quotazione in Borsa servirà solo per continuare a fare quello che la società fa già ora:

“Aiutare i nostri commercianti a crescere e rimodellare il settore dei pagamenti”.

Un “unicorno” che vuole rimodellare i servizi finanziari

L’IPO segna uno dei migliori esordi degli ultimi tempi in Borsa per società di tecnologia europee, dietro solo a quello di Spotify ad aprile. Tuttavia quella di Spotify non è stata una vera IPO visto il ricorso del colosso svedese alla vendita diretta di azioni.

Negli ultimi anni la scena tecnologica europea è cresciuta grazie a una serie di ’unicorni’, ovvero società fondate di recente che sono riuscite a guadagnarsi una valutazione da 1 miliardo di dollari, in particolare nello spazio tecnologico finanziario. La società di pagamenti svedese Klarna e la società britannica di peer-to-peer lending Funding Circle rappresentano solo due esempi, ed entrambe stanno per diventare pubbliche.

Intanto Jan Hammer, partner di Index Ventures - maggior azionista di Adyen - ha parlato di “un grande giorno per l’azienda” e per le startup di fintech che “rimodellano il secolare settore dei servizi finanziari”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su IPO

Argomenti:

IPO Borse Europa (UE)

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.