Yolo: come funziona l’app per chattare in anonimo

Giulia Adonopoulos

14 Maggio 2019 - 13:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Cos’è Yolo e come funziona: le cose da sapere sulla popolare app usata per fare domande in anonimo su Snapchat.

Una nuova app di social network gratuita sta dominando le classifiche di App Store. Si chiama Yolo: Anonymous Question, ha solo pochi giorni di vita ma è già diventata molto popolare tra gli utenti di Snapchat, tanto da aver conquistato il 1° posto di applicazione per iPhone più scaricata negli USA e Regno Unito.

Cos’è Yolo

Il nome Yolo deriva dall’acronimo You only live once, che tradotto significa “Si vive una volta sola”. Costruita sulla piattaforma Snap Kit, Yolo è un’app di supporto a Snapchat disponibile al momento solo per iOS che consente agli utenti di inviare domande anonime a un altro utente Snapchat, il quale può rispondere nella propria Storia. In alternativa, l’app consente anche agli utenti di Snapchat di postare domande nella loro storia, a cui altri utenti Snapchat anonimi possono rispondere.

Leggi anche Messaggi anonimi su Instagram: ecco come fare

Yolo: come funziona

Una volta scaricata da App Store, si apre l’app e vi si accede con le credenziali Snapchat. Se non si è iscritti a Snapchat, seguire questa guida all’uso.

Dopo aver fatto il login tramite ID Snapchat, premere Continua e Ricevere messaggi anonimi, e scegliere di consentire le notifiche. Una volta su Snapchat è possibile aprire Yolo e vedere le domande inviate dagli utenti. Per abilitare i commenti anonimi bisogna condividere il link e lasciare che gli amici e i propri follower scorrano col dito verso l’alto per aprire Yolo e inviino la loro domanda anonima. A questo punto si può pubblicare la risposta direttamente sulla storia facendo clic su Rispondi. È anche possibile aggiungere un video o una foto alla risposta scritta su Yolo. 

I messaggi anonimi possono provenire sia dagli amici con cui si è in collegamento sia da un pubblico più ampio, a seconda delle impostazioni della privacy su Snapchat.

Si tratta in pratica di una funzione molto simile allo sticker “Domanda" delle storie di Instagram. 

Yolo è sicura?

Quando gli utenti si registrano a Yolo e collegano l’app al proprio account Snapchat devono accettare le politiche dell’app che vietano comportamenti scorretti e abusi, pena il ban dell’account. In effetti molti utenti hanno fatto notare che tantissimi utilizzano Yolo nel modo sbagliato, per fare commenti crudeli o domande troppo banali.

Su App Store vediamo che Yolo è consigliata a un pubblico dai 12 anni in su. Tuttavia l’anonimato, caratteristica su cui si basa l’app, potrebbe creare un terreno fertile per i bulli e potrebbe quindi essere pericoloso per l’utenza più giovane. “App come Yolo che consentono l’invio di commenti anonimi possono essere facilmente utilizzati per inviare messaggi offensivi” ha detto un esponente di un ente benefico per la protezione dei bambini in UK.

Tra gli esempi più noti citiamo Sarahah, app che offriva la chat anonima, e la cui storia dovrebbe servire da avvertimento per gli sviluppatori di Yolo. L’app era diventata un covo di bulli, e l’allarme ha portato Apple e Google a chiuderle le porte dei loro store. Il rischio che Yolo muoia con la stessa rapidità con cui è diventata famosa è dietro l’angolo.

Argomenti

# iPhone
# Apple
# App

Iscriviti alla newsletter

Money Stories