UniCredit prepara l’uscita dalla Turchia: azioni in evidenza

Avvio di settimana all’insegna degli acquisti per le azioni UniCredit dopo i rumor sulla cessione degli asset in Turchia. Vediamo cosa ne pensano gli analisti

UniCredit prepara l'uscita dalla Turchia: azioni in evidenza

Avvio di settimana sotto i riflettori per le azioni UniCredit, in rialzo a ridosso del giro di boa del 2,01% a 12,69 euro.

L’incremento registrato dalle azioni UniCredit è legato alle indiscrezioni riportate dall’agenzia Reuters.

Secondo quanto riportato dall’agenzia, l’istituto di Piazza Gae Aulenti avrebbe raggiunto un accordo per ridurre la sua esposizione alla banca turca Yapi Kredi.

La decisione di UniCredit, che rientra nel piano di riduzione delle quote non strategiche, sarebbe legata al contesto recessivo che ha colpito negli ultimi anni l’economia turca.

UniCredit: asset Turchia, finora non è stato raggiunto accordo definitivo

“In relazione - riporta una nota diffusa da UniCredit a seguito delle indiscrezioni relative l’uscita dalla Turchia- a notizie di stampa riferite a una potenziale operazione riguardante Koç Financial Services (KFS) e Yapi ve Kredi Bankasi A.Ş. (Yapi Kredi), UniCredit precisa che, nell’ambito del nuovo piano strategico, sono stati avviati contatti con il suo partner Koç Group in merito a una potenziale evoluzione dell’attuale joint venture in Turchia”.

“Non è stato raggiunto –continua la nota di Piazza Gae Aulenti emessa in risposta ai rumor- un accordo definitivo in merito a tali discussioni”.

“Se e quando opportuno, UniCredit aggiornerà tempestivamente il mercato”.

Uscita UniCredit da Turchia, prezzo carico coerente con valori mercato

A seguito della diffusione dell’indiscrezione da parte dell’agenzia Reuters su una progressiva uscita di UniCredit dalla Turchia, Equita Sim ha confermato la valutazione “buy” e il prezzo obiettivo a 16,2 euro.

Il prezzo obiettivo assegnato da Equita alle azioni UniCredit incorpora un potenziale rialzista di oltre 27 punti percentuali.

"La partecipazione nella holding di controllo di Yapi Kredi era stata svalutata nel 2018 per circa 800 milioni, il valore di carico attuale (1,3 miliardi) è coerente con i prezzi di mercato del sottostante”, rilevano da Equita.

Analisti: con uscita UniCredit da Turchia +40pb su CET1

“Sulla base delle nostre simulazioni, la cessione della quota in Yapi Kredi ai prezzi di mercato avrebbe un effetto positivo di circa 40 pb sul CET1 di Unicredit (terzo trimestre 2019 da 12,6% a 13%) che - al netto di eventuali oneri straordinari - supererebbe la guidance sull’’intero anno del management (12-12,5%)”.

Per gli analisti di Citi la cessione della quota dovrebbe portare a un rafforzamento patrimoniale di 50-80 punti base mentre per Citi il beneficio dovrebbe attestarsi a 70-80 pb.

Dal punto di vista industriale, continua Equita, «il razionale del deal sembra quello di contenere il profilo di rischio del gruppo e focalizzarsi sul completamento della ristrutturazione del core business domestico, al costo di ridurre l`esposizione a un mercato dal potenziale di crescita evidente (ridotta penetrazione degli asset bancari sul Pil), ma caratterizzato da notevole volatilità per temi geopolitici”.

In attesa del Capital Markets Day di UniCredit, in calendari il prossimo 3 dicembre, Morgan Stanley ha confermato la raccomandazione “overweight” con prezzo obiettivo a 14,8 euro.

UniCredit: promozione in arrivo dal Credit Suisse, ecco perché

Il Credit Suisse ha annunciato di aver incrementato da “neutral” ad “outperform” la valutazione sulle azioni UniCredit. Sale anche il prezzo obiettivo che da 11,3 passa a 14,6 euro.

Tra le motivazioni che hanno spinto il Credit Suisse a migliorare la valutazione ce n’è è una in particolare: “il consenso è sceso del 20% da inizio anno […] sono stati fatti progressi significativi sul fronte della pulizia di bilancio e […]» e, soprattutto, in ballo “c’è un potenziale di buyback di 1,6 miliardi euro (6% della capitalizzazione) entro il 2021 in uno scenario conservativo (fino a 5,2 miliardi - 19% - nel nostro scenario migliore)".

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Unicredit S.p.A.

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \