Ucraina: ecco tutte le sanzioni USA contro la Russia. Putin minaccia: “per voi saranno dolori”

L’elenco delle sanzioni che gli Stati Uniti hanno deciso di imporre contro la Russia. Ma Putin avverte: «saranno dolori»

Sono arrivate le sanzioni annunciate dagli Stati Uniti contro la Russia. La situazione in Ucraina peggiora di giorno in giorno e mentre sul territorio si affilano le armi, dai palazzi arrivano le contromisure finanziarie.

La Casa Bianca ha infatti diffuso un nuovo comunicato all’interno del quale elenca tutte le sanzioni intraprese contro Mosca. Colpiti 7 funzionari vicini al presidente e 17 società legate al Cremlino.

Ma Putin non si lascia intimidire e annuncia contromisure.

Le sanzioni
Il dipartimento del Tesoro americano colpisce sette funzionari governativi russi, tra cui spiccano due collaboratori di Vladimir Putin. Uno di essi è Igor Sechin, patron di Rosneft, compagnia petrolifera moscovita che il 17 marzo scorsoha acquisito il 13% di Pirelli, rafforzando la sua presenza nel nostro Paese, dopo le collaborazioni istituite con altre grandi aziende italiane, tra cui spiccano: Eni, Enel, Saras e Autogrill.

A tutti e sette verranno congelati i beni e negati i visti d’ingresso negli USA.

Per quanto riguarda le 17 società invece, tutte legate al Governo Russo, previsto anche per loro un congelamento dei beni. Il dipartimento del Commercio fa inoltre sapere di aver imposto ulteriori restrizioni a 13 delle 17 società coinvolte. Esse non potranno più ricevere beni statunitensi e le licenze volte ad esportare in Russia prodotti altamente tecnologici che potrebbero servire a Mosca per rafforzare le proprie milizie. In ultimo: ogni tipo di licenza già esistente verrà revocata dal Governo americano.

Si acuisce dunque la stretta degli Stati Uniti contro la Russia e la guerra finanziaria diviene ogni giorno più dura.

La Casa Bianca, attraverso lo stesso comunicato, spiega il motivo che ha portato alle sanzioni. Nella nota si legge infatti che la causa sarebbe:

«il continuo intervento illegale della Russia in Ucraina e le azioni provocatorie che mettono a repentaglio la democrazia dell’Ucraina e minacciano la sua pace, sicurezza, stabilità, sovranità e integrità territoriale»

Dal 17 aprile scorso infatti, giorno in cui a Ginevra è stato firmato un accordo che avrebbe dovuto rasserenare gli animi tra Unione Europea, Stati Uniti, Ucraina e Russia:

Mosca non ha fatto nulla per rispettare i suoi impegni e infatti ha peggiorato la crisi”.

Nel frattempo, apprese le decisioni statunitensi il Cremlino prepara la propria contromossa. Il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov, avverte:

“Ovviamente risponderemo e la nostra risposta avrà effetti dolorosi su Washington. Gli Stati Uniti hanno completamente perso il contatto con la realtà e stanno spingendo verso una escalation della crisi”.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.