USA, Biden ufficializza le nomine: ecco chi farà parte della squadra del presidente

Martino Grassi

25 Novembre 2020 - 09:31

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Joe Biden, il presidente eletto degli Stati Uniti, ha ufficializzato le nomine dell’amministrazione che lo accompagnerà per i prossimi 4 anni. Ecco da chi sarà composta la sua squadra.

USA, Biden ufficializza le nomine: ecco chi farà parte della squadra del presidente

Il nuovo presidente degli Stati Uniti ha ufficializzato la sua squadra di Governo che lo accompagnerà durante i prossimi quattro anni, annunciando le nomine. Si tratta di nomi importanti che avranno il compito di invertire la rotta che hanno assunto gli Stati Uniti durante la precedente amministrazione, guidata da Trump, che ancora cerca di rovesciare l’esito delle presidenziali.

I nomi scelti per la prossima amministrazione sono dei personaggi fidati, che già hanno ricoperto ruoli importanti durante il governo Obama. Il nuovo presidente ha comunque precisato che “Questo non è un terzo mandato Obama”, dal momento che “Abbiamo di fronte un mondo completamente diverso da quello che avevamo davanti durante l’amministrazione Obama-Biden. Il presidente Trump ha cambiato il paesaggio”. Ma vediamo chi farà parte della nuova squadra del presidente.

Antony Blinken - Segretario di Stato

Sarà Antony Blinken il successo di Mike Pompeo, l’ormai ex Segretario di Stato chiamato quindi a svolgere un ruolo molto simile al ministro degli Esteri italiano. Blinken è uno storico amico e confidente di Biden, che già faceva parte del suo staff durante la sua carica da senatore. In passato ha ricoperto diversi ruoli politici tra cui: consigliere sulla Sicurezza nazionale e vicepresidente e viceconsigliere sulla Sicurezza nazionale durante il governo di Barack Obama. Sempre durante il governo Obama è stato anche vicesegretario di Stato tra il 2015 e il 2017.

La scelta di Blinken rappresenta un chiaro messaggio nei confronti della precedente amministrazione, andando a segnare una chiara inversione di rotta rispetto all’Amministrazione Trump. Tra gli obiettivi del nuovo Segretario di Stato infatti vi è l’intenzione di andare a recuperare e rendere solide le vecchie alleanze degli Stati Uniti, logorate dalla presidenza di Donald Trump.

Alejandro Mayorkas - Segretario alla Sicurezza nazionale

Grandi novità rispetto all’amministrazione Trump anche su piano interno. Sarà infatti Alejandro Mayorkas il nuovo Segretario della Sicurezza nazionale, l’analogo ministro degli Interni italiano, già confermato tre volte dal Senato nella sua carriera.

Mayorkas, figlio di immigrati cubani fuggiti dalla dittatura di Castro, sarà chiamato a ristabilire la gestione della Sicurezza Interna, andando a lavorare sulle rigide norme introdotte dal Tycoon soprattutto per quanto riguarda il confine con il Messico. Il nuovo Segretario alla Sicurezza nazionale dovrà inoltre riprendere e implementare le politiche di inclusione e di integrazione dei migranti irregolari, completamente trascurate dalla precedente amministrazione repubblicana.

Avril Haines - Direttrice dell’Intelligence nazionale

Avril Haines è stata scelta come Direttrice dell’Intelligence nazionale, la prima donna nella storia degli Stati Uniti a ricoprire questa carica. Proprio come Blinken, anche Haines è una storica consigliera di Biden, che già faceva parte del suo staff durante la sua carriera in Senato.

Durante l’Amministrazione Obama Avril Heines ha ricoperto il ruolo di vicedirettrice della CIA e viceconsigliera per la Sicurezza nazionale. Heines sarà quindi chiamata a ristabilire la fiducia tra le agenzie di intelligence e la Casa Bianca, oltre che a eliminare completamente i contrasti degli ultimi quattro anni, concentrandosi in modo particolare sulle manovre di Mosca, Pechino o Teheran.

Linda Thomas-Greenfield - Ambasciatrice alle Nazioni Unite

Una nomina destinata a cambiare la rotta degli Stati Uniti è anche quella di Linda Thomas-Greenfield, la nuova Ambasciatrice alle Nazioni Unite. Da 35 anni è impiegata nel dipartimento di Stato e ricopre il ruolo di ambasciatrice. In passato è stata anche ambasciatrice in Liberia, un paese dell’Africa occidentale e si è occupata di affari africani ad alto livello nel dipartimento.

Anche in questo caso abbiamo una prima volta: Linda Thomas-Greenfield sarà la prima persona afroamericana che rappresenterà un paese membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il compito a cui è chiamata Thomas-Greenfield sarà quello di dare un nuovo slancio al Dipartimento di Stato, fortemente trascurato durante la precedente Amministrazione.

John Kerry - Inviato Speciale per il Clima

John Kerry, sarà il nuovo Inviato Speciale per il Clima, una carica nuova che evidenzia le intenzioni di Biden di potenziare le politiche estere e la diplomazia legata alle tematiche ambientali e climatiche.

Kelly è un ex candidato alla presidenza del 2004 e ex segretario di Stato durante l’Amministrazione Obama tra il 2013 e il 2017. Da diversi anni sostiene Biden, promuovendo anche la sua campagna elettorale fin dall’inizio delle primarie del Partito democratico, quando la sua situazione ancora appariva incerta.

Jake Sullivan - Consigliere sulla Sicurezza nazionale

Per Jake Sullivan arriva una nuova nomina come Consigliere della Sicurezza Nazionale, andando quindi a ricoprire un ruolo che aveva già svolto durante la presidenza di Barack Obama.

In passato Sullivan è stato anche un collaboratore di Hillary Clinton mentre era segretario di Stato e durante la sua campagna elettorale. Nel suo curriculum troviamo anche il ruolo di consigliere del governo americano sui negoziati per l’accordo nucleare con l’Iran.

Janet Yellen - Segretario al Tesoro USA

Il nuovo Segretario al Tesoro USA invece sarà Janet Yellen, la donna dei record. Anche in questo caso sarebbe la prima donna a ricoprire questo ruolo nella storia degli Stati Uniti.

Nel corso della sua carriera Janet Yellen è stata presidente della Federal Reserve - banca centrale degli Stati Uniti, e ha svolto un ruolo cruciale nel processo volto ad abbassare il tasso di disoccupazione nel Paese portandolo ai minimi storici degli ultimi 50 anni. A differenza di altri suoi colleghi, sembra che Yellen possa godere anche dell’appoggio di molti repubblicani.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories