Facebook riaccende il Nasdaq, ma i conti non brillano

Violetta Silvestri

28 Aprile 2022 - 11:09

condividi

I conti di Facebook hanno dato slancio agli scambi a Wall Street, anche se sono emerse luci e ombre nella trimestrale di Meta. Il colosso tech ha stupito sul fatturato. Tutti i dati.

Facebook riaccende il Nasdaq, ma i conti non brillano

Nella trimetrale Facebook sono emersi i punti di forza e di debolezza del colosso.

La società madre, Meta, ha registrato la sua crescita dei ricavi più lenta da quando è diventata pubblica, ma il prezzo delle sue azioni è balzato fino al 20%, spinto da profitti migliori del previsto di fronte a diversi venti contrari, tra cui le ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il balzo di Facebook, comunque, sta alimentando guadagni nei futures Nasdaq 100, destinato a crescere nel trading pre-mercato dopo che il social network ha aggiunto più utenti del previsto.

Cosa ha svelato la trimestrale di Meta?

Trimestrale Facebook: nei conti la forza e la debolezza del colosso

La società ha registrato un utile di 7,5 miliardi di dollari nel trimestre gennaio-marzo, in calo del 21% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ma al di sopra delle aspettative di Wall Street di circa 7,1 miliardi di dollari, secondo i dati di S&P Capital IQ.

Le entrate sono state di 27,9 miliardi di dollari, in crescita del 7% rispetto allo scorso anno, nonostante la pressione dell’invasione russa dell’Ucraina, l’aumento della concorrenza e il cambiamento della privacy di Apple che hanno pesato sulle piattaforme dei social media. Il dato è stato al di sotto delle aspettative già smorzate degli analisti.

Meta Platforms è l’ultimo gigante tecnologico a subire un colpo economico: “i venti contrari alle entrate porteranno probabilmente a un rallentamento degli investimenti”, ha affermato l’amministratore delegato di Meta Mark Zuckerberg in una presentazione webcast con gli analisti alla fine di mercoledì.

Tuttavia, i profitti inaspettatamente forti e le previsioni di minori costi per il resto dell’anno hanno incoraggiato gli investitori nel trading after-hour, con le azioni in balzo di quasi il 20%.

Da segnalare anche l’aumento degli utenti attivi migliore del previsto, in un momento in cui gli investitori stanno osservando da vicino quanti utenti, in particolare quelli più giovani, stanno trovando alternative come TikTok un luogo più attraente per trascorrere il loro tempo online.

Zuckerberg ha annunciato la crescita di Reels, l’imitatore di TikTok che la società ha recentemente aggiunto all’app di Instagram.

A completezza dei dati trimestrali, è da evidenziare che il segmento Reality Labs dell’azienda, che comprende i suoi sforzi nel metaverso e nella realtà virtuale, ha registrato una perdita netta di 3 miliardi di dollari nel trimestre su ricavi di 695 milioni di dollari.

La «famiglia» di app dell’azienda, tra cui Instagram e WhatsApp, ha mostrato 2,87 miliardi di utenti attivi giornalieri nel trimestre, con un aumento del 6% anno su anno.

Le sfide di Facebook nel prossimo futuro

Anche per il colosso dei social media il futuro è ricco di insidie.

Il direttore finanziario Dave Wehner ha citato almeno tre fattori che lasceranno il segno, come un rallentamento dell’e-commerce dopo la rapida crescita durante la pandemia, nonché una perdita di entrate in Russia e una riduzione della domanda di annunci in mezzo all’incertezza economica globale.

La Russia, per esempio, ha bandito Facebook e Instagram a marzo, ritenendo Meta colpevole di «attività estremiste». Meta ha anche impedito agli inserzionisti in Russia di creare e pubblicare annunci in qualsiasi parte del mondo.

Dopo i disastrosi guadagni del quarto trimestre 2021 di Meta, oltre 220 miliardi di dollari sono stati spazzati via dalla sua capitalizzazione di mercato nel suo più grande calo del prezzo delle azioni da quando è diventata una società per azioni nel 2012. Il titolo è ancora in calo di circa il 49% dall’inizio dell’anno e la sua rimane una delle peggiori performance nel settore tech.

Le sfide sono molte, dalla concorrenza alle difficoltà globali.

Evelyn Mitchell, analista di Insider Intelligence ha allertato sull’entusiasmo dei conti:

“La crescita degli utenti giornalieri è un buon segno per Facebook, soprattutto a partire dal quarto trimestre del 2021, quando ha registrato il suo primo calo in assoluto delle DAU. Ma è anche chiaro che Facebook sta ancora lottando per attirare nuovi utenti e sta diventando sempre più difficile per Instagram recuperare il gioco. La maggior parte della crescita di [utenti attivi mensili] e DAU nel primo trimestre è arrivata dal resto del mondo, non dagli Stati Uniti e dal Canada, che monetizza a un ritmo migliore”.

In generale, i risultati contrastanti di Facebook arrivano sulla scia di vendite e guadagni più leggeri del previsto anche del colosso Google. Sono ormai crescenti i timori che le aziende dipendenti dalla pubblicità possano affrontare un momento difficile con una guerra che infuria in Ucraina e l’inflazione che brucia nelle tasche dei consumatori.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO