Toyota e Lexus sono tornate al centro delle cronache nel mondo dei motori. Infatti le due case automobilistiche giapponesi nelle scorse ore hanno richiamato alcune loro auto che potrebbero avere un problema con la pompa del carburante.

Toyota e Lexus richiamano 5,84 milioni di auto nel mondo

In totale, 5,84 milioni di veicoli in tutto il mondo vengono richiamati perché la pompa del carburante potrebbe smettere di funzionare, provocando lo stallo del veicolo e potenzialmente l’impossibilità di riavviare l’auto. Il problema aumenta anche il rischio di incidente durante la guida a velocità più elevate.

Dei 5,84 milioni di veicoli ritirati, circa 3,34 milioni si trovano negli Stati Uniti. Toyota ha inizialmente annunciato un richiamo di sicurezza di 695.541 modelli Toyota e Lexus il 13 gennaio 2020 negli Stati Uniti a causa della pompa del carburante difettosa e, a marzo, ha aggiunto altri 1,1 milioni di veicoli a questo richiamo. Da allora sono stati aggiunti altri 1,52 milioni di veicoli al richiamo negli Stati Uniti.

La pompa del carburante potrebbe aver subito un danno durante la produzione

La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) afferma che le pompe del carburante potenzialmente difettose sono state «esposte all’essiccazione del solvente di produzione per periodi di tempo più lunghi» durante la produzione. Ciò potrebbe causare screpolature sulla superficie e assorbimento eccessivo di carburante, provocando potenzialmente la deformazione e il guasto della girante.

Al momento non si sa altro su questo richiamo. Non è chiaro se siano interessati anche vetture vendute in Italia, anche se considerato il numero elevato di unità interessate sembra molto probabile. Vi aggiorneremo naturalmente non appena arriveranno ulteriori novità su questo richiamo di Toyota e Lexus.