Una situazione piuttosto sorprendente si sta verificando in Europa nei Supercharger di Tesla. Alcuni utenti si sono accorti che a causa probabilmente di un bug presente nelle stazioni di ricarica della casa americana, è possibile ricaricare gratis le proprie auto anche di altre case automobilistiche. Con il lancio del Model 3 e del suo Supercharger V3 in Europa, Tesla ha cambiato il suo standard di ricarica principale in CCS.

Nei Tesla Supercharger in Europa auto elettriche di altre aziende si ricaricano gratis per un bug

Questo è lo standard di cui dispone la gran parte delle auto elettriche vendute in Europa. Anche la società di noleggio di veicoli elettrici Nextmove si è accorta di ciò e ha utilizzato gli EV della sua gamma per capire se tutti riuscissero a ricaricarsi nelle stazioni Supercharger di Tesla.

La cosa è piuttosto strana se si pensa che di solito per poter utilizzare tali stazioni e necessario accedere da un account Tesla. Per questo molti pensano che si tratti di un bug che sicuramente nei prossimi giorni sarà risolto dalla società californiana.

Tra l’altro la stessa Tesla in passato aveva manifestato l’intenzione di condividere le sue stazioni anche con le auto elettriche di altre case automobilistiche, ma pare che fino a questo momento non sia stato trovato un accordo per condividere i costi di gestione. Anche di recente nell’incontro con i dirigenti di Volkswagen in Germania si dice che Elon Musk abbia discusso di un simile accordo con la casa di Wolfsburg.

Rimane da capire chi e come mai abbia provato a ricaricare la propria auto elettrica non di Tesla in uno dei nuovi supercharger che la casa automobilistica di Elon Musk ha costruito in Europa di recente.