Tassazione obbligazioni bancarie: istruzioni e calcolo

Come vengono tassate le obbligazioni bancarie? Ecco istruzioni e calcolo.

Tassazione obbligazioni bancarie: come funziona? Come sappiamo, la componente fiscale, soprattutto in Paesi come l’Italia, è una variabile fondamentale nel calcolo del rendimento di un titolo finanziario.

Nel caso delle obbligazioni bancarie, per esempio, quali sono le variabili da considerare per la previsione della loro tassazione? E su come questa tassazione incida sul rendimento netto delle obbligazioni bancarie medesime?

In questo breve intervento cerchiamo di fare chiarezza sulla tassazione dellle obbligazioni bancarie e sugli elementi da considerare per il calcolo del rendimento netto ottenibile.

Tassazione obbligazioni bancarie: gli elementi da consierare

Come calcolare e prevedere la tassazione sulle obbligazioni bancarie? Effettuare il calcolo e la previsione della tassazione sulle obbligazioni bancarie non è semplice, anche perché occorre considerare una molteplicità di aspetti.

Innanzitutto, nella tassazione delle obbligazioni bancarie è bene avere chiaro come calcolare il rendimento - guadagno o capital gain - ottenibile dalle stesse. In particolare, questo calcolo deve essere eseguito considerando tre situazioni ipotetiche:

  • la differenza (positiva) tra il valore iniziale - il prezzo di acquisto - ed il valore finale - prezzo di vendita - delle obbligazioni bancarie;
  • la differenza (positiva) tra prezzo di emissione e rimborso alla scadenza prevista;
  • l’incidenza delle cosiddette “cedole una tantum”.

Ovviamente qualora il calcolo porti ad un valore (rendimento) negativo non ci sarà alcuna imposta o tassa da pagare.

Cosa succede se, invece, il rendimento dell’operazione (obbligazioni bancarie) è positiva come si spera?

Tassazione obbligazioni bancarie: aliquota di riferimento e meccanismo di calcolo

La tassazione delle obbligazioni bancarie varia poi a seconda del soggetto percettore del capital gain (che fiscalmente deve essere inquadrato come reddito di capitali).

Attualmente le persone fisiche sono soggette ad un’imposta sostitutiva con aliquota del 26% che si applica sui seguenti redditi:

  • interessi cedolari;
  • differenza tra prezzo di emissione sotto la pari (100) e valore di rimborso.

Si tratta di un’aliquota entrata in vigore il 1° luglio 2014 in applicazione di quanto previsto dal D.L. 66/2014 a cui si rimanda per ogni approfondimento in merito alle singole modalità applicative.

Per gli approfondimenti interpretativi, invece, il lettore può fare riferimento alla circolare numero 19/E/2014 dell’Agenzia delle Entrate:

Tassazione rendite finanziarie
Clicca sull’icona per eseguire il download della circolare numero 19/E del 27 giugno 2014 in materia di aliquota tassazione rendite finanziarie di cui agli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 66/2014

Tassazione obbligazioni bancarie soggetti Irpef non residenti

Le tasse sulle obbligazioni bancarie non si applicano se percepiti da soggetti residenti all’estero nei Paesi c.d. “white list” (vedi D.M. 4 settembre 1996).
Di conseguenza, i soggetti non residenti residenti nei Paesi White List non pagano nessuna imposta o tassa sulle obbligazioni bancarie.

Qualora le persone fisiche non residenti non siano titolari dei requisiti previsti dalla normativa fiscale, i redditi derivanti dalle obbligazioni bancarie saranno soggetti a tassazione con l’imposta sostitutiva al 26%.

La tassazione sugli strumenti finanziari varia poi a seconda del regime fiscale prescelto dal contribuente, per maggiori informazioni leggi qui:
Tassazione capital gain: regime dichiarativo o amministrato? Guida alla scelta

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \