Spesometro 2014: Il Governo valuta ipotesi cancellazione

Vittoria Patanè

04/04/2014

04/04/2014 - 20:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Lo spesometro non convince proprio nessuno. Dopo la proroga richiesta dai commercialisti adesso dubbi e incertezze hanno colpito anche il Governo che pensa di cancellarlo a partire dal 2015.

La delega fiscale potrebbe contenere infatti anche questa misura. A sostenere l’iniziativa sono Salvatore Chiri, capo del Servizio assistenza e consulenza fiscale della Banca d’Italia, e Paolo Sestito, capo del Servizio di Struttura economica della Banca d’Italia.

Secondo l’indagine da loro condotta sule strutture fiscali e sulla relazione tra fisco e contribuenti, l’abolizione dello spesometro potrebbe:

attenuare la percezione di un sistema ostile all’attività economica, a causa dell’instabilità e della complessità dei tributi, e di uno scarso rispetto dei diritti del contribuente”.

È questo ciò che Chiri e Sestito avrebbero detto di fronte alla Commissione Finanze del Senato.

A loro giudizio infatti, la soluzione sarebbe nella limitazione dell’utilizzo del contante che ridurrebbe enormemente il bisogno di strumenti di controllo che i contribuenti vedono come minacce:

“Un ulteriore abbassamento dei limiti di utilizzo del contante, il potenziamento della fatturazione e della moneta elettronica, nonché della tracciabilità dei pagamenti, potranno in prospettiva rendere non più necessario lo spesometro”.

Si apre dunque un’ipotesi che potrebbe incontrare il favore di contribuenti e addetti ai lavori, tanto più che, de facto, nessuno è mai riuscito a capire esattamente come funziona lo spesometro. Uno strumento che in teoria dovrebbe servire a combattere l’evasione fiscale, ma che in pratica ha presentato lacune talmente grosse da renderlo quasi inefficace.

L’Agenzia delle Entrate nel frattempo continua a tacere. Restano dunque attive, fino a comunicazione contraria, le due scadenze fissate per aprile 2014: 10 aprile per coloro che effettuano una liquidazione mensile dell’IVA e 22 aprile per la liquidazione IVA trimestrale.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories