Soggetti esclusi dagli ISA 2019

Chi sono i soggetti esclusi dagli ISA 2019? Gli Indici Sintetici di Affidabilità sono ormai in vigore, ma non per tutti. Ecco la lista dei soggetti che non obbligati a compilare i modelli ISA. I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Soggetti esclusi dagli ISA 2019

Quali sono i soggetti esclusi dagli ISA? A fare chiarezza sul tema è intervenuta l’Agenzia delle Entrate, anche perché nonostante i nuovi Indici Sintetici di Affidabilità siano ormai in vigore ci sono ancora molti dubbi a riguardo.

Gli ISA sostituiscono in maniera definitiva i vecchi studi di settore e permettono di verificare l’affidabilità fiscale dei contribuenti obbligati e, conseguentemente, assegnare importanti benefici fiscali a chi risulta in regola con il Fisco.

In altre parole gli ISA rappresentano un metodo di collaborazione spontanea tra i contribuenti e l’Amministrazione finanziaria, con il doppio fine di combattere l’evasione fiscale e ridurre i contenziosi in materia tributaria.

Non tutti i contribuenti però sono obbligati o compilare i moduli ISA, come ad esempio chi aderisce al regime forfettario o svolge attività di volontariato; in questa guida vedremo l’elenco dettagliato dei soggetti esclusi dagli Indici Sintetici di Affidabilità.

ISA 2019, quali sono i soggetti esclusi?

Gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA), tra ritardi e incomprensioni, hanno fatto il loro ingresso a pieno regime, con l’obiettivo di migliorare il rapporto Fisco-contribuente e favorire gli adempimenti spontanei degli obblighi fiscali, in cambio di misure premiali.

Le nuove disposizioni ISA, tuttavia, non si applicano a tutti gli imprenditori indistintamente; i dettagli sono contenuti nella circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 17 del 2 agosto 2019, in cui l’Amministrazione chiarisce, punto per punto, caratteristiche, adempimenti, benefici e soggetti esclusi degli ISA 2019. Dunque, le disposizioni ISA non si applicano ai quei periodi di imposta in cui il contribuente:

  • non si trova in condizioni normali di svolgimento dell’attività;
  • ha dichiarato un compenso di ammontare superiore a 5.164.5699 euro.

Gli ISA 2019, inoltre, sono esclusi per i contribuenti che:

  • si avvalgono del regime forfettario agevolato;
  • beneficiano del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile;
  • sono in mobilità;
  • esercitano due o più attività imprenditoriali, che non rientrano nello stesso indice sintetico di affidabilità, ma solo se i ricavi dell’attività prevalente superano di almeno il 30% l’ammontare dei ricavi dichiarati;
  • esercitano attività di “Trasporto taxi” e “Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente”;
  • società cooperative, consortili e consorzi che operano esclusivamente a favore di imprese socie o associate e società cooperative costituite da non imprenditori che operano in favore degli stessi utenti;
  • corporazioni di piloti di porto.

Maggiori dettagli sui soggetti esclusi dagli ISA 2019 nella circolare n. 17 dell’Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2019:

Agenzia delle Entrate, circolare numero 17 del 2 agosto 2019
Clicca per per aprire il file in pdf del comunicato dell’Agenzia delle Entrate

I soggetti indicati non sono tenuti alla compilazione dei modelli ISA 2019 e conseguentemente sono anche esclusi dai benefici fiscali previsti.

Per capire cosa sono gli ISA, come funzionano e quali sono i soggetti obbligati si consiglia il nostro articolo di approfondimento: ISA: cosa sono e a cosa servono

ISA 2019 casi di esclusione: i soggetti del “Terzo settore”

Per quanto concerne le attività del Terzo settore, l’Amministrazione finanziaria è intervenuta con una normativa specifica, prevedendo tassativi casi di esclusione degli ISA 2019. In particolare, la disciplina sugli Indici di Affidabilità non si applica alle attività del Terzo settore:

  • non commerciali che optano per la determinazione forfettaria del reddito di impresa;
  • impegnate in attività di volontariato e promozione sociale che si avvalgono del regime fiscale agevolato;
  • imprese sociali, ai sensi del decreto legislativo n. 112, del 3 luglio 2017.

Si precisa che l’esclusione dei soggetti di cui sopra dagli ISA 2019 non opera per l’anno di imposta 2018, mentre per il futuro resta subordinata all’autorizzazione della Commissione Europea (ex articolo 108 del Trattato sul funzionamento dell’Ue).

ISA, cosa sono e soggetti obbligati

Ora che abbiamo visto quali sono i soggetti esclusi, vediamo invece per chi gli Indici Sintetici di Affidabilità sono obbligatori. La normativa si estende a tutti gli esercenti attività di impresa, arti e professioni, con le eccezioni che abbiamo elencato nei paragrafi precedenti.

Con la previsione dell’obbligo, l’Agenzia delle Entrate vuole instaurare un dialogo con i contribuenti, attraverso l’analisi di precisi indicatori che indicano la coerenza della gestione aziendale e il corretto assolvimento degli obblighi tributari. Sulla base di questi indicatori, il Fisco dà al contribuente una valutazione da 1 a 10 della sua affidabilità fiscale, e decide quali e che misura attuare i benefici fiscali.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Studi di Settore

Argomenti:

Studi di Settore

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \