Social Commerce: l’ascesa di Pinterest sulle macerie di Facebook e Google

Seedble

1 Dicembre 2021 - 06:43

condividi

Il social commerce si è diffuso molto negli ultimi tempi ed è da poco sbarcato su un nuovo fronte ricco di opportunità: Pinterest.

Social Commerce: l'ascesa di Pinterest sulle macerie di Facebook e Google

Complice l’affollamento delle piattaforme Facebook e Google, con il conseguente aumento dei costi di conversione, Pinterest ha cominciato la sua scalata nella classifica dei social da tenere d’occhio quando si tratta di generare vendite.

Per vendere su Pinterest, bisogna partire dal presupposto che questo social - proprio come Instagram - è fondato sul linguaggio visivo, per questo è di fondamentale importanza far sì che i propri prodotti siano catturati e ritratti all’interno di immagini fortemente creative e attrattive, che spingano gli utenti del social a soffermarvicisi e ad interagire. Una volta attirate le persone con immagini accattivanti, bisogna fare in modo tale da trasmettere loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno per valutare l’acquisto del prodotto: è importante associare un prezzo al pin (il pin è un segnalibro che ogni utente può mettere al contenuto di cui sta fruendo su Pinterest se vuole salvarlo e rivederlo in un secondo momento), inserire il link alla scheda prodotto e geolocalizzare le immagini.

Social Commerce: collaborazione tra Pinterest e Shopify

Il canale Pinterest per Shopify è ad oggi disponibile in Australia, Austria, Brasile, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera e Regno Unito e nasce per aiutare i merchant di tutto il mondo a vendere online i propri prodotti in modo semplice, rispondendo al crescente trend di consumo online che interessa la popolazione globale. Grazie alla partnership tra i due colossi, più di 1,7 milioni di merchant Shopify in tutto il mondo potranno vendere i loro prodotti su Pinterest e trasformarli in pin acquistabili all’interno della piattaforma social.

Shopify è una delle più importanti piattaforme di e-commerce al mondo e una vasta gamma di utenti la utilizza per vendere i propri prodotti attraverso campagne di advertising. La partnership messa a segno da Pinterest è di fondamentale importanza proprio perché incide significativamente sull’importo generato dall’advertising online.

Cosa permette di fare il canale generato attraverso questa partnership? Una volta installata l’app di Pinterest, i merchant potranno accedervi dalla dashboard e creare automaticamente un catalogo a cui associare dei tag, ottenendo una distribuzione organica sulla piattaforma che stimolerà traffico e conversioni degli utenti, anche attraverso campagne di retargeting dinamico (ovvero, quel tipo di campagne che vanno ad intercettare utenti che hanno già visualizzato o fatto azioni sul sito web di riferimento).

La collaborazione tra Pinterest e Shopify si rivolge potenzialmente a 450 milioni di persone e apre le porte a nuovi utenti che usano Shopify per vendere i propri prodotti o servizi. Si tratta di un servizio innovativo e di una notizia epocale nel mondo dell’advertising, perché va contemporaneamente a minare il monopolio social di Facebook e dare credito a una nuova piattaforma social in un momento storico in cui i due maggiori player di advertising online (Google e Facebook) vedono un progressivo aumento dei costi di acquisizione legato all’afflusso sempre crescente di nuovi utenti.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it