Sindacati pubblica amministrazione: quali sono le sigle del pubblico impiego?

Francesco Scarpari

21 Giugno 2017 - 13:05

condividi

Quali sono i sindacati per la pubblica amministrazione? Cerchiamo di fare il punto in materia con un elenco delle sigle del pubblico impiego.

Sindacati pubblica amministrazione: quali sono le sigle del pubblico impiego?

I sindacati della pubblica amministrazione sono solitamente delle federazioni di associazioni sindacali di settori più specifici del pubblico impiego. È possibile fornire un elenco di quali sono i sindacati maggiori e esporre la loro articolazione interna più frequente.

La pubblica amministrazione infatti è un ambito molto esteso e comprende al suo interno un vasto numero di sindacati. Basti pensare a riguardo al numero di sindacati per la scuola, o attivi nelle forze di polizia per rendersi conto di quanti sono le sigle sono attive a tutela dei diritti dei dipendenti pubblici.

Cerchiamo di fare il punto su quali sono i sindacati del pubblico impiego fornendo un elenco per il settore della pubblica amministrazione e la loro struttura in comparti.

Sindacati pubblica amministrazione: quali per il pubblico impiego?

Nella pubblica amministrazione i sindacati che in prima battuta possono essere citati sono quelli confederali. Sono loro infatti che vengono chiamati in causa in primo luogo in interventi rilevanti come quelli sul rinnovo del contratto degli statali.

La Cgil, confederazione sindacale con oltre 5 milioni e 200 mila iscritti, è attiva nella pubblica amministrazione come Funzione Pubblica (Fp Cgil). La federazione per il pubblico impiego conta 21 sedi regionali e 132 provinciali in tutta Italia.

La Uilpa (Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione) è anche’essè uno dei sindacati per la pubblica amministrazione. La federazione è nata nel 1998 e, per mezzo dell’Unione Italia Lavoro (Uil), prende parte a varie unioni sindacali europee e internazionali.

La Cisl Fp (Funzione Pubblica) è la federazione del sindacato Cisl che riunisce e organizza le associazioni appartenenti alla confederazione per quanto riguarda il settore del pubblico impiego. Il sindacato, per la sua componente nella pubblica amministrazione, conta circa 325.000 iscritti.

Tra i sindacati del pubblico impiego è presente anche l’Unione Sindacati di Base. La Usb, come sindacato, diversifica il suo intervento su due macro-aree intercategoriali: per il settore privato e quella, appunto, per il pubblico impiego. Tale suddivisione si pone in continuità con la tradizione di alcuni paesi europei come Germania e Grecia.

Tra i sindacati per la pubblica amministrazione c’è da segnalare anche la Confsal. Il sindacato per il pubblico impiego è nato dall’unione della Snals, attivo nel mondo della scuola, e dalla UNSA (Unione Nazionale dei Sindacati Autonomi).

La Cisal è presente tra i dipendenti della pubblica amministrazione con due federazioni: la Cisal FPC e la Fialp Cisal. L’obiettivo che si propone di raggiungere il sindacato è quello di una progressiva unificazione dei due organismi per garantire maggiore unità d’azione nel pubblico impiego.

Sindacati pubblica amministrazione: articolazione per il pubblico impiego

Una volta indicati quali sono i sindacati per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni va notato, come già accennato, come la loro articolazione interna unisca e organizzi vari sindacati del pubblico impiego. Di solito le sigle si suddividono secondo i vari settori e categorie della Pa.

I sindacati per la totalità del pubblico impiego sono quindi solitamente federazioni complesse che organizzano associazioni più settoriali. La loro suddivisione interna di solito viene ad abbracciare i seguenti ambiti:

  • Ministeri,
  • Sanità,
  • Enti Locali (Regioni, Comuni, Province, ecc..)
  • Agenzie fiscali (Entrate, Dogane, Territorio, Demanio),
  • Scuola e Istruzione,
  • Parastato (Inps, Inail, Aci, ecc..)
  • Sicurezza.

Iscriviti a Money.it