Chi è e quanto guadagna Roberto Gualtieri, candidato sindaco di Roma

condividi

Roberto Gualtieri è candidato alle primarie del centrosinistra per il sindaco di Roma. È stato ministro dell’Economia del governo Conte. Scopriamo biografia, guadagni e stipendio.

Chi è e quanto guadagna Roberto Gualtieri, candidato sindaco di Roma

Roberto Gualtieri punta a diventare il prossimo sindaco di Roma. In vista delle elezioni amministrative in programma a ottobre, l’ex ministro sarà uno degli aspiranti candidati che prenderanno parte alle primarie del centrosinistra.

Dopo lunghe settimane di indiscrezioni e smentite, Gualtieri ha rotto gli indugi: sarà lui il candidato di punta del Partito Democratico, ma per l’investitura ufficiale dovrà prima superare lo scoglio delle primarie.

I sondaggi in vista delle elezioni a Roma lo vedono come il grande favorito nell’eventuale ballottaggio contro qualsiasi sfidante, mentre paradossalmente le insidie maggiori sarebbero tutte al primo turno: la presenza di Carlo Calenda potrebbe togliere voti fondamentali per assicurarsi la presenza nel testa a testa attuale.

Vediamo allora chi è Roberto Gualtieri, dando uno sguardo alla sua biografia, al reddito dichiarato e allo stipendio percepito ora che, dopo le suppletive dello scorso anno, è passato dallo scranno dell’Europarlamento a quello della Camera.

Biografia di Roberto Gualtieri?

  • Nome e cognome: Roberto Gualtieri
  • Luogo e data di nascita: Roma, 19 luglio 1966
  • Partito: PD
  • Occupazione attuale: deputato, in precedenza ministro dell’Economia (2019-2020) ed eurodeputato (2009-2019), Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari al Parlamento Europeo (dal 2014), vicedirettore della Fondazione Istituto Gramsci
  • Titolo di studio: Laurea in Storia contemporanea e Dottorato di ricerca in Scienze storiche presso Università di Roma - La Sapienza
  • Professione: Professore universitario

Classe 1966, Roberto Gualtieri è professore associato di Storia contemporanea all’Università di Roma La Sapienza. È entrato nell’Assemblea Nazionale del PD nel 2007, mentre l’anno successivo è stato eletto in Direzione Nazionale.

Nel 2009 diventa deputato europeo per il PD nella circoscrizione Italia Centrale. La seconda rielezione lo porta, nel 2014, ad essere nominato Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari. Con la terza rielezione alle europee del 2019 viene messo a capo della Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo.

Gualtieri è uno storico contemporaneista e a sua firma sono stati pubblicati numerosi libri e articoli specialistici sul tema della storia italiana e internazionale del ventesimo secolo, con focus particolare sul processo di integrazione europea.

Con la nascita del governo Conte bis, nel settembre 2019 viene richiamato da Bruxelles per essere nominato ministro dell’Economia, ottenendo poi anche un seggio alla Camera in occasione delle elezioni suppletive a Roma.

Con la fine del secondo governo Conte, torna a essere un “semplice” deputato ma la sua permanenza a Montecitorio potrebbe essere molto breve: a maggio 2021 annuncia la sua presenza alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato alle elezioni a Roma, con i sondaggi che lo indicano come uno dei grandi favoriti.

CV Roberto Gualtieri
Il CV di Roberto Gualtieri

I guadagni e lo stipendio

Roberto Gualtieri anche quando era ministro dell’Economia riceveva solo lo stipendio da deputato, in virtù di una normativa voluta dall’allora governo Letta che ha bolito la doppia retribuzione..

Attualmente i deputati hanno diritto a un’indennità lorda di 11.703 euro. Al netto sono 5.346,54 euro mensili più una diaria di 3.503,11 e un rimborso per spese di mandato pari a 3.690 euro. Ad essi si aggiungono 1.200 euro annui di rimborsi telefonici e da 3.323,70 fino a 3.995,10 euro ogni tre mesi per i trasporti.

Durante invece gli anni passati a Bruxelles, come europarlamentare ha percepito uno stipendio che oscilla tra i 16.000 e i 19.000 euro al mese, con l’importo che può variare a seconda della frequenza con cui si è partecipato alle sedute.

Sul sito del MEF è anche possibile consultare la sua dichiarazione dei redditi 2019, relativa al 2018 come periodo di imposta quando era un europarlamentare, che fa registrare un reddito imponibile complessivo pari a 1.149 euro.

Dichiarazione dei redditi 2019 Roberto Gualtieri
La dichiarazione dei redditi 2019 di Roberto Gualtieri

Una cifra bassa perché è con una dichiarazione a parte che sono stati inseriti i guadagni derivanti dal suo ruolo nel Parlamento Europeo, che in totale nel 2018 hanno fruttato a Gualtieri un introito lordo pari a 104.214,06 euro.

Attestato reddito 2018 Roberto Gualtieri
L’attestato dei redditi 2018 di Roberto Gualtieri in qualità di europarlamentare

Nella dichiarazione dei redditi 2020, il reddito imponibile è di 33.023 euro, a cui si deve aggiungere l’importo lordo di 78.819 euro dovuto al ruolo di eurodeputato svolto nel 2019 fino alla sua nomina a ministro.

Dichiarazione redditi Gualtieri 2020
La dichiarazione dei redditi 2020 di Roberto Gualtieri

Iscriviti a Money.it