Renzi l’equilibrista: taglia l’IRAP, ma aumenta la tassazione delle rendite finanziarie

A maggio parte la riforma fiscale del Governo Renzi. Tra i primi interventi taglio del 10% all’IRAP, ma aumento della tassazione sulle rendite finanziarie.

Il 1 maggio 2014 i lavoratori potranno festeggiare, oltre alla loro tradizionale festa, un aumento di stipendio grazie al taglio del cuneo fiscale promesso da Renzi con l’incremento delle detrazioni IRPEF.

A maggio prenderà dunque forma la riforma fiscale del Governo Renzi, che interesserà anche il settore delle imprese. Cosa succederà all’IRAP? Vediamo i vantaggi per le aziende.

Taglio IRAP 10%

Il Governo Renzi ha stabilito che dal 1 maggio ci sarà un taglio IRAP pari al 10% grazie all’aumento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20 al 26% (esclusi i Bot). Le cifre saranno le seguenti: aumento della tassazione per 2,6 miliardi, riduzione dell’IRAP per 2,4 miliardi

Renzi è ottimista o megalomane?

«Esiste un momento in cui un leader politico ha il dovere di indicare una visione. Io penso che l’italia oggi abbia bisogno di superare con coraggio e determinazione i limiti che la stanno bloccando. Non ho paura a rischiare tutto me stesso su un percorso di riforme che possa dire all’Italia di tornare ad essere in grado di volare».

Il taglio IRAP rientra nel piano di un riequilibrio delle imposte e

«la tassazione sulle rendite finanziarie va in linea con gli altri Paesi europei»

Giustamente le tasse si alzano per equità. Ricordiamo male o l’Italia ha la tassazione più alta d’Europa?

A favore delle imprese altre due misure importanti come:

  • l’abbattimento del 10% dei costi dell’energia per le PMI:

«Il costo dell’energia per le PMI pari a 14 miliardi di euro verrà ridotto del 10% attraverso la rimodulazione del paniere della bolletta energetica».

  • l’incremento del fondo per le imprese:

«Cinquecento milioni di euro in più per il fondo di garanzia per le PMI per la lotta al credit crunch, vero o presunto che sia e che ha già garantito 10 miliardi di accesso al credito. Una misura che le aziende sanno essere rilevante».

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.