Regno Unito, trovata un’altra variante ancora più contagiosa: proviene dal Sudafrica

Martino Grassi

23 Dicembre 2020 - 17:54

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Nel Regno Unito è stata trovata un’altra variante di coronavirus proveniente dal Sudafrica ancora più contagiosa della precedente. Il ministro della Salute Matt Hancock lancia l’allarme.

Regno Unito, trovata un'altra variante ancora più contagiosa: proviene dal Sudafrica

Nel Regno Unito è stata individuata un’altra variante del coronavirus proveniente dal Sudafrica, ancora più contagiosa di quella che ha iniziato a spaventare l’Europa qualche giorno fa. Ad annunciarlo è il ministro della Salute Britannico Matt Hancock, come riportano numerosi mesi inglesi.

Il nuovo ceppo differisce da quello britannico, ma spaventa allo stesso modo dal momento che è in grado di diffondersi in modo ancora più rapido. Il governo britannico per fronteggiare anche questa nuova minaccia, ha deciso di inasprire ulteriormente le misure restrittive, estendendo il lockdown in altre zone del Paese. Tra le ipotesi quella di inserire nel Tier 4, ossia il livello massimo di restrizioni, anche il Sussex, alcune parti delle Midlands e il nord Inghilterra.

Regno Unito, trovata un’altra variante del Sudafrica più contagiosa

Cresce ancora l’allerta nel Regno Unito dopo la scoperta di un’altra variante di coronavirus ancora più contagiosa rispetto alla precedente. Il ministro Hancock ha annunciato che due persone nel suo Paese sono risultate positive ad un ceppo di Covid proveniente dal Sudafrica, precisando che si tratta di due “contatti di casi che hanno viaggiato dal Sudafrica nelle ultime settimane”, al momento entrambi in isolamento.

Hancock lancia l’allarme precisando che “questa nuova variante è molto preoccupante perché è ancora più trasmissibile e sembra essere mutata più della nuova variante scoperta nel Regno Unito.

Il governo ha deciso di inasprire le misure di contenimento nei confronti di coloro che hanno viaggiato in Sudafrica nelle ultime due settimane, imponendo loro una quarantena forzata e precisando che “queste misure sono temporanee mentre indaghiamo ulteriormente su questo nuovo ceppo che sarà analizzato a breve a Porton Down”.

La notizia ha allertato anche altri Paesi e Germania, Svizzera, Israele, Sudan, Mauritius, Turchia ed El Salvador hanno già deciso di sospendere i voli in arrivo dal Sudafrica.

Cosa sappiamo del ceppo del Sudafrica

Nel corso della scorsa estate il Sudafrica è stato il Paese più colpito dell’Africa, raggiungendo i 13.000 casi giornalieri. Adesso questa nuova variante, conosciuta come 501.V2 sta causando una recrudescenza del virus, causando l’80-90 per cento dei nuovi casi e generando una violenta seconda ondata.

Dall’inizio della pandemia il Sudafrica ha registrato circa 950.000 casi e circa 25.000 morti. Adesso si trova a dover fronteggiare una violenta seconda ondata che viaggia ad un ritmo di circa 10.000 nuove infezioni ogni giorno. Il ministro della salute del Sudafrica è convinto che la causa della seconda ondata nel Paese sia causato proprio da questo nuovo ceppo.

Tuttavia gli esperti affermano che per il momento è prematuro fare dichiarazioni in merito ad una maggiore mortalità legata a questa nuova variante. Anche il dottor John Nkengasong, direttore dell’Africa Centre for Disease Control and Prevention di Addis Abeba ha dichiarato al Telegraph che al momento non abbiamo ancora dati sufficienti per accertare se il nuovo ceppo potrebbe essere più contagioso per i bambini e i giovani adulti”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories