Quanto sta spendendo l’Italia per i migranti positivi al Covid

Alessandro Cipolla

26 Luglio 2021 - 13:53

condividi

Tra navi quarantena e hotel, ecco quanto l’Italia sta spendendo per la profilassi dei migranti sbarcati sulle nostre coste che sono risultati positivi al Covid.

Quanto sta spendendo l'Italia per i migranti positivi al Covid

La pandemia non ferma l’immigrazione, anche se il tema è stato quasi del tutto ignorato durante l’ultimo Consiglio Europeo dove, su input della Germania, l’unica decisione presa è stata quella di rifinanziare la Turchia di Erdogan per sigillare la rotta balcanica.

Nel frattempo in Italia gli sbarchi continuano a essere costanti: quasi 26.000 le persone arrivate sulle nostre coste da inizio anno, un numero già più che doppio rispetto a quello relativo all’intero 2020.

A luglio finora sono stati 5.300 i migranti sbarcati, provenienti soprattutto dalla Tunisia a causa del momento di forte instabilità politica ed economica che si sta vivendo nel Paese nordafricano.

Ad aggravare la situazione è il sostanziale caos che continua a regnare in Libia, dove è in atto una sorta di Risiko geopolitico tanto che sono sempre in bilico le elezioni in programma il 24 dicembre.

Il risultato di tutto questo è l’aumento dei viaggi della speranza verso l’Europa e il peggioramento delle condizioni dei migranti “ospiti” in Libia, mentre a Bruxelles hanno fatto chiaramente intendere che le tragedie del Mediterraneo non sono al momento una priorità per l’UE.

Migranti positivi al Covid: quanto spende l’Italia

In questo scenario, l’Italia anche questa estate è chiamata sostanzialmente ad affrontare da sola un’emergenza aggravata dal Covid, visti i diversi migranti che sono risultati positivi una volta approdati nel nostro Paese.

Dai dati che circolano, il 5-10% dei migranti sbarcati di recente in Calabria è risultato positivo al Covid. Il Governo così ad aprile ha deciso di ricorrere a delle navi quarantena per i contatti diretti che avrebbero un costo parecchio elevato.

Si parla infatti di 36.000 euro al giorno per il noleggio della nave a cui si devono aggiungere 25 euro per ogni migranti presente a bordo: in totale, la spesa da parte dello Stato dovrebbe essere superiore ai 7 milioni al mese.

Visto l’alto numero di arrivi e le tante persone da mettere in quarantena, molti migranti sono stati fatti alloggiare anche in hotel. In questo caso, la spesa complessiva per ogni ospite si aggira sui 65 euro al giorno, per un esborso tra giugno e luglio stimato in 200.000 euro.

Considerando il grande ritardo nella campagna vaccinale in Africa, con le dosi promesse dal G7 che continuano a rimanere un miraggio, la questione Covid-migranti desta preoccupazione tra gli esperti: se non verranno messi in sicurezza anche i Paesi a basso reddito, questa pandemia non potrà mai essere superata.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it