Petrolio in forte calo: la Cina fa crollare i prezzi

Violetta Silvestri

25 Aprile 2022 - 08:34

condividi

Prezzi petrolio in caduta libera: il principale motivo è in Cina, con i blocchi di Shanghai e non solo a frenare la domanda. Vento contrario anche dalla Fed aggressiva. Che succede al greggio?

Petrolio in forte calo: la Cina fa crollare i prezzi

I prezzi del petrolio sono crollati vicino ai minimi di due settimane, estendendo le perdite rispetto ai giorni scorsi.

Le spinte al ribasso provengono soprattutto dalle preoccupazioni che il prolungato blocco Covid a Shanghai e che i potenziali aumenti dei tassi negli Stati Uniti possano danneggiare la crescita economica globale e la domanda di carburante.

La situazione cinese aggiunge un’altra fonte di volatilità a un mercato petrolifero che è stato colpito dall’invasione russa dell’Ucraina. La guerra ha alimentato l’inflazione e l’Unione europea sta discutendo misure per limitare le importazioni di petrolio dalla Russia. Ciò potrebbe restringere il mercato e far salire i prezzi.

Cosa succede ai prezzi del petrolio?

Petrolio: è tonfo con la paura Covid in Cina

Alle ore 8.20 circa, il greggio Brent scambia a 102,42 dollari al barile, con un tonfo del 3,54% e i future WTI perdono il 3,58% a 98,42 dollari al barile.

Il motivo principale dell’affondo è in Cina, dove aumentano i blocchi in diverse città mentre persegue una strategia Covid-Zero. Ai residenti di un distretto di Pechino è stato detto di sottoporsi a tre giorni di test del virus a partire da lunedì nel tentativo di eliminare un’ondata di casi nella zona. Shanghai sta entrando nella sua quarta settimana di lockdown rigoroso.

Secondo esperti dell’industria energetica cinese, come riportato da Bloomberg, la domanda nazionale di benzina, diesel e carburante per aviazione ad aprile dovrebbe diminuire del 20% rispetto all’anno precedente. Ciò equivale a un calo del consumo di petrolio greggio di 1,2 milioni di barili al giorno.

“Le preoccupazioni sulla domanda sono tornate al centro”, ha affermato Vandana Hari, fondatrice di Vanda Insights a Singapore, citando il blocco dei virus in Cina e l’allentamento della crescita economica globale. “Il rischio è sbilanciato verso il basso.”

I benchmark hanno perso quasi il 5% la scorsa settimana a causa delle preoccupazioni sulla domanda.

“Il petrolio si sta rivalutando al ribasso a causa del colpo al consumo cinese, mentre la Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse per rallentare l’economia statunitense”, ha affermato in una nota l’amministratore delegato di SPI Asset Management Stephen Innes.

I due venti contrari suggeriscono che alcuni rialzisti del petrolio cederanno il passo ai timori di recessione e alla devastazione della domanda, stando all’analisi.

I fattori da monitorare sul prezzo del petrolio

Dal lato dell’offerta, le società energetiche statunitensi hanno aggiunto piattaforme di petrolio e gas naturale per la quinta settimana consecutiva tra prezzi elevati e sollecitazioni da parte del Governo.

In Europa, il Caspian Pipeline Consortium (CPC) russo-kazako ha ripreso le esportazioni complete dal 22 aprile, dopo quasi 30 giorni di interruzioni a seguito delle riparazioni di uno dei suoi principali impianti di carico, secondo indiscrezioni di Reuters.

La Libia dovrebbe riprendere la produzione dai campi chiusi nei prossimi giorni.

Alcuni analisti hanno affermato che il peggioramento della crisi in Ucraina potrebbe aumentare la pressione sull’Ue per sanzionare il petrolio russo e che i prezzi potrebbero aumentare entro la fine dell’anno.

“I prezzi del petrolio non dovrebbero scendere al di sotto dei 90 dollari al barile a causa della prospettiva di un potenziale divieto da parte dell’Ue sul greggio russo nel mezzo di una crisi in Ucraina”, ha affermato Hiroyuki Kikukawa, direttore generale della ricerca presso Nissan Securities.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.