Pensione lavori usuranti 2016: domanda, requisiti, tutto quello che c’è da sapere

Scade il 1° marzo 2016 il termine di presentazione della domanda di pensione anticipata per chi svolge lavori usuranti. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

La data di scadenza per la presentazione all’Inps della domanda per accedere alla pensione anticipata per tutti coloro che svolgono lavori usuranti è stata fissata il 1° marzo 2016.
Tale domanda, nello specifico, deve essere presentata da coloro che sono in possesso dei requisiti e, in particolare, che hanno maturato un diritto alla pensione tra il 1° gennaio 2016 e il 31 Dicembre 2016 con la disciplina agevolata prevista per i lavoratori che svolgono lavori usuranti.
Vediamo di seguito tutto quello che c’è da sapere sulla presentazione della domanda per la pensione lavori usuranti 2016.

Pensione lavori usuranti 2016: come presentare domanda
L’Inps ha pubblicato sul proprio sito nella giornata di oggi la nuova versione del modulo di domanda di pensione lavori usuranti 2016, ossia la domanda per accedere alla pensione anticipata da parte di coloro che svolgono lavori particolarmente faticosi e pesanti.
In questo modulo sono riportate le seguenti informazioni:
- deve essere indicata la volontà di avvalersi, per l’accesso al pensionamento, del beneficio di cui al dlgs n. 67/2011;
- devono essere specificati i periodi per i quali è stata svolta ciascuna delle attività lavorative usuranti;
- deve essere allegata la documentazione minima necessaria in relazione ai tipi di attività usuranti, in assenza della quale la domanda non è approvata.
Per ulteriori informazioni circa la documentazione che deve essere allegata alla domanda, occorre consultare la Circolare del Ministero del Lavoro 22/2011.
Tale documentazione, inoltre, deve essere richiesta al datore di lavoro in copia con indicazione di conformità all’originale.

Pensione lavori usuranti 2016: scadenza domanda
La domanda di pensione lavori usuranti 2016 deve essere presentata entro il 1° marzo.
Tale scadenza non è tuttavia perentoria; in caso di ritardo nella presentazione dello stesso si ha lo slittamento in avanti della decorrenza della pensione nel caso in cui l’Inps decida di accordare al richiedente la possibilità di accedere al regime di lavori usuranti.
Infatti, secondo quanto previsto dalla legge, in caso di accertamento dei requisiti necessari per accedere al regime agevolato di pensione per lavori usuranti, il ritardo nella presentazione della domanda comporta il differimento della decorrenza della pensione dei seguenti termini:

- un mese, se il ritardo della presentazione è contenuto in un mese cioè se la domanda viene presentata entro il 1° Aprile;
- due mesi, se il ritardo della presentazione è compreso tra un mese e due mesi, cioè dopo il 1° Aprile ed entro il 1° Maggio 2016;
- tre mesi se il ritardo della presentazione è di tre mesi e oltre, cioè dopo il 1° Maggio 2016.

Si ricorda, comunque, che tale domanda serve per accertare l’esistenza dei requisiti per accedere al regime di pensione agevolato concesso per chi svolge lavori usuranti. In caso di accertamento positivo andrà poi presentata domanda di pensione.

Pensione lavori usuranti 2016: requisiti
Chi è in possesso dei requisiti per accedere al regime agevolato di pensione per lavori usuranti 2016 può accedere alla pensione con 61 anni e 7 mesi di età e con 35 anni di contributi.
Tale domanda può essere presentata da:
- addetti a lavori faticosi e pesanti, lavoratori addetti alle mansioni particolarmente usuranti;
- i lavoratori addetti alla cosiddetta “linea catena” e i conducenti di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo.
Per quanto riguarda i lavoratori notturni, i requisiti dipendono dal numero di notti lavorate e, nello specifico:
- se hanno almeno 78 notti lavorate l’anno devono raggiungere quota 97,6, con età minima di 61 anni + 7 mesi;
- se hanno lavorato da 72 a 77 notti l’anno devono raggiungere la quota 98,6, con età minima di 62 anni + 7 mesi;
- se hanno lavorato da 64 a 71 notti devono perfezionare quota 99,6, con età minima di 63 anni + 7 mesi.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories