Pensione di vecchiaia anticipata per titolare assegno ordinario di invalidità

La pensione di vecchiaia anticipata è fruibile da chi è titolare di assegno ordinario di invalidità? Si comporta come una pensione anticipata o di vecchiaia?

Pensione di vecchiaia anticipata per titolare assegno ordinario di invalidità

La pensione di vecchiaia anticipata permette il pensionamento dei lavoratori del settore privato e di quelli autonomi che, avendo maturato almeno 20 anni di contributi, hanno compiuto 56 anni se donne o 61 anni se uomini. Per accedere alla misura, inoltre, è necessario che il lavoratore sia invalido con percentuale pari o superiore all’80%.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Salve, ho 56 anni e percepisco l’assegno di invalidità IO (con provvedimento definitivo) con una percentuale pari all’80%, poiché ho più di 20 di anni di contributi per aver lavorato nel privato, vorrei sapere se per i miei requisiti ho diritto alla «pensione di vecchiaia anticipata».”

Pensione di vecchiaia anticipata e assegno ordinario di invalidità

L’assegno ordinario di invalidità non permette l’accesso a nessuna pensione anticipata ma si trasforma in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei requisiti di accesso.

Nel caso della pensione di vecchiaia anticipata, però, l’accesso è permesso anche ai titolari di assegno ordinario di invalidità poiché si tratta di una pensione di vecchiaia a tutti gli effetti, con requisiti più conveniente per agevolare l’accesso ai lavoratori con invalidità.

Nel suo caso, quindi, avendo pienamente raggiunto i requisiti di accesso di 56 anni di età e di almeno 20 anni di contributi, essendo in possesso della percentuale di invalidità minima richiesta, c’è il diritto di pensionamento con questa misura.

Da tenere conto, però, di due cose fondamentali: per la decorrenza della pensione è necessario attendere una finestra di 12 mesi per i lavoratori dipendenti del settore privato e di 18 mesi per i lavoratori autonomi.

L’accesso al pensionamento per lei, quindi, potrà avvenire soltanto al compimento dei 57 anni. Nel frattempo le consiglio di procedere alla certificazione dell’invalidità pensionabile da parte della commissione medica dell’INPS, necessaria per la presentazione della domanda di pensione.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories