Pensione anticipata con 75% di invalidità: quando è possibile?

Lorenzo Rubini

10 Giugno 2021 - 13:46

condividi

La normativa previdenziale prevede delle agevolazioni per i lavoratori con disabilità. Vediamo in quali casi l’anticipo è possibile con il 75% di invalidità.

Pensione anticipata con 75% di invalidità: quando è possibile?

Ci sono diversi strumenti che prevedono agevolazioni a livello previdenziale per i lavoratori con un certo grado di invalidità che vanno da pensioni dedicate a maggiorazioni contributive, passando anche per misure che, tra i profili di tutela inseriscono anche gli invalidi.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buona sera,
ho 57 anni, 35 anni di contributi versati e invalidità superiore al 75%. chiedo se ho qualche soluzione per andare in pensione.
Grazie”

Pensione anticipata per invalidità

Gli strumenti per ottenere un anticipo sulla pensione di vecchiaia a chi possiede un’invalidità del 75% sono diversi. Cerchiamo di capire quali sono e in quali casi sono sfruttabili.

Se lavora nel settore privato o è un lavoratore autonomo ha diritto, fin da subito, all’assegno ordinario di invalidità (per il quale serve una invalidità pari o superiore al 67% ed almeno 5 anni di contributi di cui, almeno 3 anni versati nel quinquennio precedente la presentazione della domanda). In questo caso può scegliere se continuare a lavorare oppure no, visto che la misura, pur essendo previdenziale, non richiede la cessazione dell’attività lavorativa.

In ogni caso anche se scegliesse questa strada avrebbe diritto, al compimento dei 67 anni, alla pensione di vecchiaia.

In alternativa per anticipare il pensionamento di vecchiaia dovrebbe accedere ad un pensionamento anticipato, ma con la sua giovane età può ambire solo all’anticipo ordinario che per gli uomini richiede 42 anni e 10 mesi di contributi. Avendo, però, una invalidità superiore al 74% per raggiungere il requisito contributivo può approfittare della maggiorazione contributiva riconosciuta ai lavoratori invalidi di 2 mesi per ogni anno di lavoro effettuato con i requisiti sanitari richiesti.

Questa soluzione, però, le permette solo di avvicinare (se di poco o di molto dipende da quanto tempo lavora con invalidità superiore al 74%) il momento del pensionamento ma non glielo permette in tempi molto brevi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti a Money.it