Pensione anticipata a 57, 59 e 60 anni: le possibilità di quiescenza

Lorenzo Rubini

24 Giugno 2021 - 11:13

condividi

Vediamo quali sono le possibilità di anticipo pensionistico a ridosso dei 60 anni anche sulla base dei contributi versati.

Pensione anticipata a 57, 59 e 60 anni: le possibilità di quiescenza

Determinante per la pensione anticipata il numero di anni di contributi maturati dal lavoratore. Le misure, infatti, che permettono il pensionamento indipendentemente dall’età richiedono almeno 41 anni di contributi.

In questo articolo andremo a rispondere agli interrogativi che ci hanno sottoposto alcuni lettori di Money.it sulle reali possibilità di pensionamento che hanno in base ad età e contributi posseduti.

Pensione anticipata

  • “Buongiorno parlando di pensioni ne sento varie forme con cui si può accedere. Io ho quasi 40 anni di contributi 57 anni e invalidità civile del 60% c’è qualche forma con cui posso accedere alla pensione. Grazie mille buona giornata”

Le premetto fin da subito che a livello previdenziale l’invalidità al 60% non offre alcuna agevolazione. Vista la sua giovane età ed il fatto che rientra nei lavoratori precoci potrebbe accedere alla pensione con la quota 41 se appartiene ad uno dei profili di tutela previsti. Per rientrare come invalido, però, occorre una invalidità pari o superiore al 74%.

Se non rientra in questa misura, in ogni caso, potrà pensionarsi al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di contributi attendendo una finestra di 3 mesi per la decorrenza del trattamento pensionistico.

  • “Buongiorno mi chiamo G. disoccupato di lunga data mi è stato riconosciuto il 75 per cento di invalidità ho 35 anni di contributi e 60 anni di età volevo chiedere che possibilità ci sono per pensione grazie”

Purtroppo in base all’attuale normativa dovrebbe attendere il compimento dei 67 anni di età per poter accedere al pensionamento. Ma se l’Ape sociale dovesse essere resa strutturale al compimento dei 63 anni potrebbe accedere al pensionamento con questa misura in qualità di invalido. Le consiglio, quindi di attendere le decisioni dell’esecutivo in tal senso visto che si vocifera di una possibile proroga dell’Ape sociale.

  • “Buonasera. Ho quasi 59 anni e a gennaio farò 39 anni di lavoro, sono una Oss e lavoro presso una grande azienda ospedaliera, sempre in Psichiatria. Quando potrò andare in pensione? Grazie”

Se non rientra nella categoria dei lavoratori precoci pur svolgendo un lavoro gravoso dovrà attendere, per il pensionamento, di maturare i 41 anni e 10 mesi necessari alle donne per poter accedere alla pensione anticipata ordinaria.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti a Money.it